accedi   |   crea nuovo account

Fugol

Sii il mio segreto,
sparviero che voli
per miglia e miglia.
Sii il mio guerriero
senza pietà, nè speranza.

Da lontano l'urlo
di tutti i soprusi
apre le ali al vento fratello
e ti porta a me
come quel tempo.

Sii il mio segreto,
colomba che ammicca
al compagno che passa,
sempre
come ombra nel buio.

È qui, non vedi?
La vendetta più atroce
contro i veri diversi,
nel tuo essere me
senza veli, nè carta.

Sii il mio segreto,
gabbiano che parla
al mare che non risponde.
Sii la mano che si sforza
senza gloria, nè gioia.

Se non della terra,
della cella, dell'onda
che deride, opprime,
tradisce.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0