PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Maree

Fu l'incanto delle maree a transmutare ogni cosa.
L'incaglio dei pali dei casotti
sulla spiaggia invernale divisa tra il sole e la luna.
E tacque l'inadempienza e l'intemperanza delle cose.
E fu duna. E fu mare.
Ombra come su un naviglio dimenticato in porto
l'oblio che si fa sera e rimira.
Palafitte in chiaroscuro nella teatralità dell'effimero,
scheletri di legno di un tempo trascorso.
Chissà se qualcuno venendo da lontano
li cerca ancora.
Mi riveste la chiacchierata dell'acqua,
mi spettina il vento ed il sale.
Solo di sabbia e sedie dimenticate l'inciampo,
il rientro a piedi nell'acqua è più sereno.

 

l'autore Vanna Flore ha riportato queste note sull'opera

Inserita nell'antologia Il Federiciano 2010 a seguito del Concorso Internazionale di Poesia Inedita Il Federiciano


2
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0