accedi   |   crea nuovo account

Alabastro

Mi curo con la neve
un dolce incanto
si rapprende

mi curo con le foglie
insicure

La forma del dolore
circoscrive
il suo disperdersi

materia del mio vivere
è alabastro

sinistro scudo
ritorto.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Bruno Briasco il 13/06/2011 11:27
    Bellissima nella sua delicata forma di ermetismo, come dice saggiamente Ugo. Brava.
  • Nicola Saracino il 13/06/2011 10:12
    L'interpretazione è faticosa, ma la lettura genera empatia e richiama ancora lettura. Sarebbe poco più di una poco interessante lista di materiali se il tutto non ardesse in un unico fuoco: "la forma del dolore/circoscrive/il suo disperdersi". È poesia.
    Nicola
  • Anonimo il 12/06/2011 19:59
    la forma del dolere circoscrive il suo dispendersi...
    questa la conservo.. una gran bella poesia..
    ti saluto..
  • rosanna erre il 12/06/2011 12:29
    crociera negli accertamenti!
    no scherzo, purtroppo fino a fine giugno non ho nessuna visita per sapere se tutto va bene... solo esami del sangue, urine, tamponi... code all'ambulatorio 13 (accettazione) poi all'ambulatorio 11 (prelievo del sangue e consegna provette) oppure coda dal medico della mutua (impegnative e varie...) ecchepalle!!!

    comunque scusa Vi ma non mi collego molto per vari motivi...
    -sonno cronico appena ho anche solo cinque minuti liberi
    -mal di testa alla lettura della seconda riga di qualsiasi cosa
    -occupazione della pausa pranzo a... mangiare in modo sano
    -oltretutto ho l'ispirazione a scrivere equivalente alla quantità di prosciutto crudo che posso mangiare (cioè zero per via della toxoplasmosi)

    ah, ho dimenticato la coda alle poste per pagare il canone rai (in ritardo) che poi dovrebbero farmi una tarifffa inferiore dato che sento solo l'audio... che proviene dalla sala... mentre io sto a letto in camera! anzi... indovina da dove sto scrivendo!?!
    Ho buttato l'occhio alle tue ultime opere...
    sempre avvolte da una malinconia sinistra ma, non so come dire... orgogliosa forse.
    Hai una continuità spaventosa nello scrivere (nel senso della qualità
  • Anonimo il 11/06/2011 21:38
    Nel tuo stile, piacevolmente ipnotico, rendi perfettamente il senso del messaggio... Bella poesia...
  • ELISA DURANTE il 11/06/2011 18:46
    Poesia che comunica fragilità, come la pietra che le dà il titolo, perlescente e delicata.
  • Ugo Mastrogiovanni il 11/06/2011 12:53
    Uno stile molto particolare in questi versi, vigoroso e sentenzioso, costruito secondo un criterio di ricercato ermetismo ma di un mirato rigore logico. Nella neve scorgo glacialità e candore, nelle foglie intuisco il verde della speranza, nell'alabastro il pensiero policromo e variegato del poeta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0