accedi   |   crea nuovo account

Giorgiana Masi

Ce vengo su quer ponte
te vojo portà 'n fiore
ce vengo e me ricordo
quer dodici de maggio
che la manifestazione
nun se poteva fa
e quanti poliziotti
la gente i celerini
e c'era chi veniva
sortanto pe' sparà
allora er fuggi fuggi
tra le manganellate
le costole spaccate
li possino ammazza.
E tu sopra sto ponte
corevi e nun guardavi
corevi e te squajavi
te ne volevi annà
ma poco dopo hai visto
hai visto tutto quanto
hai visto e l'hai capito
che quella lì eri tu
e te portorno via
e nun c'è stato verzo
nun ce l'hai fatta e adesso?
adesso stai lassù.
Certo a diciannovanni
sta botta de dolore
te scoppia drent'ar core
ma tu stai sempre qua.
Ce vengo su quer ponte
te vojo porta 'n fiore
er fiore dell'amore
che te ricorderà.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • celeste il 07/01/2007 20:56
    Sono commosso, nel mio piccolo, sento di starti vicino.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0