username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La vendetta

un omo camminava pe la via
d'inverno tutto solo ne la notte
e quanno arivò in fonno ar crocevia
nun vide un cane co le zampe rotte

p'er bujo pe le lagrime e le pene
er cane puro lui
nun lo vedeva bene..
guaì più forte pe chiedeje n' ajuto
ma quello pieno de penzieri bui
quanno lo scorse annò oltre svelto e muto
preso com'era da li fatti sui
e così er cane lo "schedò" cor fiuto
penzanno: - ma tu guarda sto cornuto!
te la farò pagà 'mortaccitui!-

pe guarì je ce volle quarche mese
ma finarmente er cane s'ariprese
e così accadde che na certa sera
(o forse era gia notte) in primavera
l'omo ripassò giù pe quela strada

mò tocca di che là de primo acchitto
ar cane steso in mezzo a la rugiada
quer tizio je sembrava un derelitto
e nun pareva l'omo der fattaccio..
quello era ben vestito, da signore,
questo invece era sporco ma l'odore
lo tradiva comunque
eppuro si sembrava ormai no straccio
era lui senza dubbi e senza dunque..

er cane nun se chiese in quer frangente
er perchè de quer grande cambiamento
anzi de ciò nun je 'mportava gnente
ricordò d'avè fatto un giuramento
e pe levasse na soddisfazione
decise subbito senza penzacce
d'avvicinasse p'aggredillo e facce
na bella colazione..

 

1
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 07/07/2014 06:54
    apprezzata... complimenti.

4 commenti:

  • ELISA DURANTE il 11/06/2011 20:54
    Versificazione perfetta per un contenuto che non capisco. Solo un altro uomo avrebbe portato a termine la vendetta. Un cane non l'avrebbe fatto. E con questo voglio dire che sto dalla parte del cane. Ovviamente.
  • anna rita pincopallo il 11/06/2011 20:10
    molto bella bravopiaciutissima
  • teresa... il 11/06/2011 13:48
    bellissima davvero. argomento interessante che non va sottaciuto un pillola amara da digerire con simpatia, sei stato bravissimo. riguardo a ciò che ha detto Nicola, bè io sono un po' più speranzosa, la società riflette ciò che siamo, individui talvolta miseri ma che riflettono e che quindi stringono nel pugno il potere di cambiare il mondo. bacio e bravo.
  • Nicola Saracino il 11/06/2011 13:37
    Siamo una società di cani e quel signore mi sembra il Signore...
    Nicola

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0