PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Quel ramo del Lago di Como

Sull'acque tranquille del lago di Como,
quella sera dalla luna illuminate,
una barca scivolava leggera.
Verso l'esilio andavano tristi
due sposi promessi e la madre di lei.
La giovane sporgendosi dal bordo
celando il viso, lasciava cadere
lacrime calde che il lago beveva.
Tutt'intorno i villaggi, le capanne
ed il tristo, temuto, palazzotto
trascorrevano al chiaror della luna.
Nessuno parlava; solo si udiva
il tonfo dei remi nell'acqua chiara
in cui neri si specchiavano i monti.
Ingiustizia, viltà, sopraffazione
eran momentaneamente sospese;
ma pronte per l'agguato l'indomani.
Così come pure bontà, amore,
eroismo, candore ed innocenza
nella loro disarmante inermità
saran capaci di vincere il male.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

14 commenti:

  • Luigi Naselli il 19/12/2011 20:21
    ti ringrazio Giacomo, son felice che ti sia piaciuta.
  • Giacomo Scimonelli il 19/12/2011 06:20
    ''... Nessuno parlava; solo si udiva
    il tonfo dei remi nell'acqua chiara
    in cui neri si specchiavano i monti.
    Ingiustizia, viltà, sopraffazione
    eran momentaneamente sospese;
    ma pronte per l'agguato l'indomani...''

    versi fantastici... chiari e diretti..
  • Luigi Naselli il 06/08/2011 09:13
    carissimi, Fenice, Bruno Briasco e Carla Composto, scusatemi se solo oggi ho avuto il piacere di leggere i vostri commenti che mi sono piaciuti moltissimo. Grazie di cuore.
  • Anonimo il 24/06/2011 15:02
    caro luigi... credo che il Manzoni ti sorriderà ringraziandoti per la parafrasi qui riportata con estrema maestria... bravo
  • Bruno Briasco il 13/06/2011 15:54
    Promessi sposi racchiusi in poche ma belle e invitanti parole. Bravo!
  • Anonimo il 11/06/2011 23:30
    Bel tributo a Manzoni... Complimenti
  • Luigi Naselli il 11/06/2011 22:33
    Ciao Elisa, io sono genovese come avrai ben visto. Questa è solo un'ode che mi fu richiesto di comporre per uno spettacolo in Musical come parodia de I Promessi Sposi recitato dai giovani della GAU di Genova. Mi chiesero di scriverci qualcosa ed io scelsi proprio questa scena, per me la più toccante e poetica. Lo spettacolo ebbe successo e anche la mia poesia fu recitata con calore.
  • ELISA DURANTE il 11/06/2011 19:59
    Nostalgia di una delle pagine più belle del Manzoni, l'Addio ai monti? O dei tempi della scuola, in cui I Promessi Sposi erano un dovere tra tanti, molto lieve rispetto a quelli della vita da adulti?
    La tua poesia è una lirica molto bella e rievocativa. Pensavo che tu fossi di quelle parti, invece vedo che sei marino, non lacustre!
  • Luigi Naselli il 11/06/2011 18:42
    grazie sara
  • sara zucchetti il 11/06/2011 18:28
    Ho capito Luigi! Mi è venuto qualche sospetto che s' ispirasse a quel opera, ma non ero sicura. l'idea di scappare con l'amore e la mamma nel lago, insomma l'hai descritto bene!
  • Luigi Naselli il 11/06/2011 18:18
    grazie moltissime Ignis Ignis. Sono contentissimo delle tue parole e ti ho appena chiesto l'amicizia.
  • Aedo il 11/06/2011 17:58
    MI hai fatto gustare l'episodio dei "Promessi Sposi" da te magistralmente narrato!
    Ignazio
  • Luigi Naselli il 11/06/2011 17:39
    grazie moltissime, cara Sara. È una parafrasi in forma di poesia dell'episodio, raccontato dal Manzoni ne "I Promessi Sposi", di Renzo e Lucia, che attraversano il Lago di notte verso l'esilio, per sfuggire alle mire del perfido Don Rodrigo.
  • sara zucchetti il 11/06/2011 15:42
    Breve racconto per ricevere la forza di superare ogni difficoltà e vincere il male

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0