accedi   |   crea nuovo account

Svegda

Perché hai guardato
nel fosso sterminato
prima che calasse la notte
in cerca di stelle
non puoi contarle sempre
e se non splendono
sempre belle e crudeli
come dissero i saggi incoronati
alla canaglia sporca
le date si perdono
i giochi al teatro
e tra le pieghe della terra
perché hai guardato
prima che il giorno assolato
alzasse le palpebre
azzurre ma non sono onde
del nostro mare soffocante
di giochi e batticuori
acerbi come la radice
virile di maschio
stretto nella mano insanguinata
di donna che pensa
di raccogliere il frutto
e conservarlo per sempre
non esiste niente
...

 

1
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0