accedi   |   crea nuovo account

'na vota 'o cimitero

'Ngopp 'a morte gia ha scritto tanta ggente
da Foscolo a Leopardi, da Ungaretti a Totò
a' morte è una sola, e ogniun ten' a soja, si però
je che ve pozz dicere? Nun me poss' inventà niente!

Totò diceva ch'a morte è comm a 'na livella
è overo, nun ce stann muort brutt e muort bell
ma chest, con rispetto, a mme me pare 'na strunzata
e 'mo ve dico comm me venette 'sta capata:

Nu iuorn comm a ttant, 'o cimitero
me ne jev a ffaticà, c'a musica int'e rrecchie
fin'a quand me truvaje aret' a certi vvecchie
tutte che chiagnev'n, tutte vestite e' nero

e' superaje, int'a nu mument me ne jett annanz
avisseva verè che prucessione, quanta parient,
e' cavalle ch'e pennacchi, fuje 'na cosa assaje elegante
avisseva verè, je che paranza!!

intanto cammenavo, pensando e' llampadine
e dicendo tra me e me "je me ne jess"
verett ati ddoje vecchie 'ngopp' a 'na fossa
'nciarmann cu' dduje ciur e tre lumini:

(dicevano)
"avisseva verè comme steve don Armando
a' tre mmis dint' o' liett, e respirava ancora
e dicev n'faccia o' prevete <<per favore
ancora 'natu ppoc'>> surann, e suspirann

respunnett 'o prevete senza scuorn: <<Don Armà!
So' tre mis che jamm annanz, chest dic' je:
ma avisseva pensat e ji contr' 'a Ddio?!
Insomma, jammu bbell, ch'avita pensat e fa?!>>

<<Padre Fa', nun v'arraggiate>> rispunnett o' viecchio
<<è che voglio dà e' parient nn'a ppoc' e tiemp
vuje verit comme stamm, se camp' e stient'
ma vuje nun capite, nun site maje stato sicc

E vuje che m'ascoltate, sentite ccà, statev' accort
o' ssape bbuon ' Padre Fabio, e vvò ddic n'faccia a iss
ca senza denari nun se cantano messe
e ccà pure pe mmurì ce vonn e' sord>>"

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Marcello Piquè il 19/06/2012 20:05
    certo, oggi prima di morire si deve andare dal commercialista per vedere se ce lo possiamo permettere. bravo invidio il tuo dialetto che ha la musica dentro e non è spigoloso come il mio toscano.
  • Anonimo il 04/08/2011 20:36
    credo sia proprio così caro giuseppe... senza soldi non si cantano messe... e ccà pure pe mmurì ce vonn è sord... bravissimo
  • Gion Strusciante il 16/07/2011 12:50
    wow grazie!! *.*
  • salvo ragonesi il 03/07/2011 23:32
    meritava essere letta eanche commentata. capisco che non tutti capiscano il dialetto ma la trovo bellisstma. bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0