accedi   |   crea nuovo account

Tu sfiorami

Amo il riso
e il pianto
e forse il niente.

Ciò che accade
grida silente
e tu
lo fai nella mia memoria.

Non voglio dimenticare
quando t'ho guardata
perché di soffrire
non ho più voglia.

M'è apparso l'amore
in un giorno troppo lungo
lì dove tu
t'allontani.

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Domiziana Gigliotti il 18/06/2011 09:12
    Amore silente, tristezza, sofferenza, nostalgia... versi molto introspettivi che toccano anche l'anima del lettore.
    Buona giornata
  • giuliano cimino il 18/06/2011 00:08
    MERAVIGLIOSA COMPLIMENTI!
  • Giacomo Scimonelli il 17/06/2011 19:16
    MOLTO BELLA SERGIO... nostalgia e tristezza sempre presenti... ma rendono sempre dolce il tuo poetare
  • Maria Teresa il 17/06/2011 18:45
    Versi che "sfiorano" l'anima.
    Bravo, Sergio, un saluto.
  • loretta margherita citarei il 17/06/2011 18:27
    ottima la chiusa, bravissimo sergio
  • angela testa il 17/06/2011 18:12
    Amare porta a soffrire... ma meglio amare con tutta l'anima... il ricordo sarà più dolce...
  • Diallo Mamadou " Kenz " il 17/06/2011 18:06
    mi piace complimenti
  • Anonimo il 17/06/2011 17:16
    Sempre nostalgico... mi piace il titolo e l'opera!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0