PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Guarda

Guarda con gioia
il mondo attorno,
anche il dolore
fa parte di tutto,
guarda tutto
con gli occhi
di Dio!

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • mario durante il 28/07/2011 18:39
    Non volevo intendere con gli occhi di Dio una visione di onnipotenza ma di misericordia e comprensione.
    Comunque il tuo pensiero ha una profonda valenza di ricerca.
  • Luigi Lucantoni il 27/07/2011 10:03
    se il vostro dio provasse dolore non sarebbe onnipotente, poiché cisarebbero forze che sfuggirebbero al suo controllo, guardano con gli occhi di un dio i superbi
  • Bianca Moretti il 23/07/2011 14:40
    Nooooo, Mario, ma sei tu? Quasi non ti riconosco. Allora c'è speranza...
    Scherzo. Positivissimo, fiducioso, quasi divino, una visione che condivido in pieno! E dove tutto è possibile, a ben guardare...
  • Alessandro Guerritore il 09/07/2011 18:21
    Versi che richiamano il mistero della vita, della creazione.
    Questo guardare tutto che nulla esclude.
    Questo guardare con gli occhi di Dio, ma che solo un eroe dell'amore può farlo.

    Molto bella!


  • Francesca La Torre il 08/07/2011 23:01
    Sarebbe bello poterci riuscire sempre, vivremmo meglio.
  • Fabio Mancini il 24/06/2011 23:12
    Ciò che dici dovrebbe essere l'atteggiamento di ogni fedele, ma è difficile annullare la propria natura per accostarsi a quella divina. I grandi Santi però ci sono riusciti! Ciao, Fabio.
  • Anonimo il 18/06/2011 22:51
    Una velata disposizione simmetrica sistema le parole in un crescendo ritmico, la cui naturale conclusione non può essere significata altrimenti che dalla perfezione Suprema che è quella di Dio.
    Questo desiderio di scrutare la realtà e la vita, e di contro l'inumano nulla, è in effetti il superamento dell'ossimoro iniziale, "gioia" e "dolore", per arrivare alla via della mediazione e della salvazione, che è riposta nell'accettazione di un nuovo modo di porsi di fronte a noi stessi e agli altri.
    CIRO SORRENTINO
  • Giacomo Scimonelli il 18/06/2011 20:25
    hai proprio ragione... ma a volte vien difficile... ottima e condivisa riflessione

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0