PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il pelo

Nel mio essere statico
su questo monte pelvico,
ahimè, mi capitasse
di essere inondato
da un fiume di piacere,
potrei solo imprecare.


Giammai un accadimento,
di simile portata,
è fatto occasionale.
Bensì un rimedio estremo,
frutto di negligenza
o complice sapienza
nel cogliere sapori
veraci, e mai distratti,
da artificiosi veli.

E sia,
sarò paziente,
annasperò nell'onda.
Ma si chiarisca un dato:
mai sarò elevato
a pelo fecondato.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0