username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Locke

Raccontò che lo stato naturale
è 'no stato de pace e d'armonia
e l'omo in fonno in fonno è un liberale
che cià bisogno de democrazia

che nun se po' tratta un qualunque tale
così come si fosse na gran spia
ce vò la tolleranza ch'è normale
pe dà a la civirtà la sintonia

in oggi sto concetto der seicento
è stato certamente diggerito
infatti se po' dì che in sto momento

chidunque po' fa quello che je pare
e er politico spesso s'è aricchito
cor mafioso ch'ha fatto da compare

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Nicola Saracino il 18/07/2011 15:06
    Il filosofo Locke immerso nella nostra attualità. Studiato, digerito e dopo secoli... semplicemente travisato. Bravo Giulio. N
  • Stefano Cincinelli il 26/06/2011 18:11
    Forza Giulio!!! Sempre sagace.
  • anna rita pincopallo il 23/06/2011 14:20
    simpaticissima ed ironica al punto giusto bravissimo
  • teresa... il 23/06/2011 12:36
    ahhahaha molto bella ti bacio carissismo
  • Fabio Mancini il 23/06/2011 11:31
    Forse il titolo della tua opera riprende il nome del mostro dell'omonimo lago scozzese. E sì che di mostri ne abbiamo fin troppi! Piaciuta l'ironia. Ciao, Fabio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0