PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Flashback

Temevo il tuo ritorno
Abbandonata tra nebbie antiche
Tra segreti e silenzi
Sei tornata

Aghi di pino contro il mio cuore
Tagliole nel mio cervello
Quando i tuoi occhi incrociarono i miei

Si dice che lo sguardo
Non sia altro che lo specchio dell'anima

L'ho rivista

Quell'anima che trascinò lontano
Verso una meta diversa
Da ciò che speravo

Un parco
Un lago

Noi

...

Ma la mente non lo accetta
Chiude i cassetti della memoria
Si sforza e si contorce

Come i nostri spiriti
Che per sempre saran dannati



Mi sei mancata

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 23/06/2011 22:24
    Mamma mia... Sono con te e i tuoi versi... Più che rimpianti, il mio è rancore... STUPENDA!
  • Anonimo il 23/06/2011 17:33
    Rimpianti... ma si poteva fare altrimenti? In ogni caso è doloroso rituffarsi negli occhi di chi un tempo illuminava, infiammava. Frammenti di paradiso e inferno ora dilaniano!
    Che bella Andrea!!!!!!
  • Fabio Mancini il 23/06/2011 11:22
    Per augurio o per premonizione non fa piacere ascoltare di avere uno spirito dannato! Non parlo ovviamente di te, ma della persona alla quale sono dedicati i tuoi versi. Fabio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0