accedi   |   crea nuovo account

L'humanitas perduta

Sono frequenti le precipitazioni
di proiettili
bombe
l'uomo ormai decide le proprie sorti
a tavolino
obbligando qualcuno a uccidere
lavandosi le mani dalle azioni più sporche.

Ha la presunzione di dettare il destino
seminando morte
povertà e dolore
per un tornaconto personale
una piccola promozione
per salvaguardare gli interessi
e anzi incrementarli
per non far mancare il guadagno
a un fottuto miliardario.

Le ragioni sono tante
nessuna di queste ha radici di valore
nessuna è supportata da idee
nessuna è presa dal cuore.

Purtroppo bisogna generalizzare
si parla di uomini
anche se non lo sono
schiavi della moneta
servi del padrone
è un comportamento fin troppo comune
abbassarsi
vendere l'anima per non sentire sensi di colpa
è un'usanza diffusa fra gli abitanti del terzo millennio.

E chi si rifiutasse
non facesse quel che gli vien detto
un idiota
viene considerato un disertore
una persona fuori dal sistema
non affidabile
senza possibilità di crescita.

La vita è un trambusto
assurda
egoista
senza più rispetto
ogni azione è inopportuna
se non c'è un riscontro immediato.

La volontà è condannata
la personalità censurata
ci viene imposta l'oggettività
delle persone
dei sentimenti
delle opinioni
è un attributo raro
sembra un ricordo lontano
l'humanitas
quella che per secoli era semplicemente
la sanità.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Aedo il 23/06/2011 19:41
    Sino d'accordo con te, Vasily: l'uomo oggi risponde solo alle esigenze del dio denaro e del potere economico. Chi si vuole opporre con la forza del cuore, viene emarginato. Bravo!
    Ignazio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0