username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Voci

Un grigio traguardo di speranze
che minaccia le sensazioni del millennio
un silenzioso volteggiante risveglio nell'oblio
un cielo giallo che racchiude l'ombra del sole
un vincere, morire e ritornare al silenzio
un'altra bocca da sfamare e un feto di ondeggiante orgoglio
un giro senza senso per ritornare da capo
e ricominciare ancora come ignavi bruciati e castigati all'infinito
per colpe che non abbiamo commesso o che forse abbiamo dimenticato
per ossessioni che paghiamo ancora e ancora
per voglie che non abbiamo chiesto ma che ci sono state inflitte come pene
Perchè tutto questo?
Ritorneremo alle origini un giorno?
Riposeremo le nostre spalle su una nuvola dorata?
Enigma...
Comunque credo che continueremo a bruciare ovunque mai saremo catapultati

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Anonimo il 28/06/2011 23:55
    scrivi da grande poeta Complimenti, grazie del tuo Passaggio a presto Salva.
  • Don Pompeo Mongiello il 27/06/2011 16:44
    Molto apprezzata e piaciuta questa tua veramente bella! Paisà
  • Anonimo il 27/06/2011 12:22
    direi qualsi drammatica... senza alcun spiraglio di speranza... molto bella scritta bene Andrea...
  • loretta margherita citarei il 24/06/2011 17:50
    molto bella bravissimo andrea
  • Andrea Pinto il 24/06/2011 11:00
    sì, infatti credo che non ci sia speranza
  • ELISA DURANTE il 24/06/2011 10:54
    Un'angoscia senza speranza, che assomiglia pericolosamente alla rassegnazione...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0