PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Lacrime e pianti

Lacrime dorate
lacrime sconosciute
incatenatemi
io cedo.
Pianti incastonati tra le stelle dell'universo
pianti improvvisi
velati da malinconia
da dolore
da ingiustificabile triste sinfonia
appropriatevi del mio io
appropriatevi del mio sorriso.
Pianti che scalfite il mio viso
non giudicate
non soffocatemi
vi cedo me stesso
la mia anima
il mio io.
Pianti improvvisi
avete vinto
son troppo debole per affrontarvi.
Pianti figli del mio cuore
ho paura di aver finito le parole
ma nessuno potrà capire
perchè nessuno potrà mai sentire.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

36 commenti:

  • Anonimo il 11/07/2011 11:08
    veramente bella... piaciutissima
  • Daniela Bonifazi il 09/07/2011 22:21
    Sono da pochi giorni iscritta su PoesieRacconti ed oltre il piacere dei bei commenti che ho ricevuto, ho avuto modo di leggere poesie straordinarie. Non immaginavo che tanti condividessero la mia passione. Io mi son definita una dilettante, perchè lo sono, e leggere opere di chi sa destreggiarsi tanto bene con i versi è gratificante. La tua poesia è veramente bella, Giacomo. Mi ritrovo molto in ciò che hai espresso egregiamente.
  • Marco Briz il 03/07/2011 14:18
    'Pianti figli del mio cuore
    ho paura di aver finito le parole
    ma nessuno potrà capire
    perché nessuno potrà mai sentire'

    Una gran bella poesia Giacomo, coronata da stupendi versi come quelli sopracitati, che non lasciano dubbi alla tua bravura. Complimenti
  • Anonimo il 02/07/2011 09:17
    molto tristi queste tue parole e in questi giorni le sento come scritte per me... piangere dicono che serva... che lo si faccia dentro o fuori di certo è segno di essere vivi e di provare qualcosa... certo piangere e nessuno sentirà e capirà .. beh è ciò che io vivo ora... stupendi versi...
  • carmela marrazzo il 01/07/2011 12:54
    le lacrime sono sollievo al dolore, non bisognerebbe mai soffocarle... non è affatto vero che piangere è sinonimo di debolezza. Solo chi sa piangere sa anche sorridere davvero.
    molto toccante e molto bella.
  • Anonimo il 28/06/2011 16:48
    Con ineguagliabile delicatezza il poeta si "arrende" al pianto...
    Eppure, in quelle lacrime il senso del loro esistere, dall'anima, senza filtri, alla penna per regalare eternità alle parole. La triste sinfonia, saprà nel ritmo riscattarsi e nel crescendo i sorrisi adotteranno le lacrime, insegnando loro la parsimonia...
  • Bruno Briasco il 28/06/2011 16:19
    Ho DOVUTO rileggerla Giacomo e a freddo devo dire che forse" è la più bella poesia che tu abbia scritto. esprimere sé stesso, i propri sentimenti, è di una bellezza senza limiti anche quando si piange. Soprattutto. Un abbraccio --------------------------
  • Cinzia Gargiulo il 28/06/2011 15:47
    Ci sono volte in cui il pianto sgorga come una liberazione e allora abbandonarsi alle lacrime è quasi dolce purché poi torni il sorriso...
    Poesia molto bella...
  • Anonimo il 27/06/2011 21:11
    sorry giacomo 2 z accarezzano
  • Anonimo il 27/06/2011 16:25
    pianto liberatorio che purica il nostro animo... lacrime che come pietre prezione accarezano il nostro viso... giacomo incantevole, sofferta, ma molto bella...
  • Dolce Sorriso il 27/06/2011 15:28
    il pianto è lo sfogo dell'anima,
    si piange per gioia o per dolore...
    bellissima poesia amico caro.
  • Giulia Gabbia il 27/06/2011 09:00
    lacrime piante anche il titolo ha della infinita tristezza insieme alle parole hai espresso il dolore che si prova... piaciuta
  • ilaria montali il 26/06/2011 23:17
    Il piangere è il nostro essere fa parte di noi, come ogni altra manifestazione emozionale.
    Il pianto spesso è l'espressione più vera dell'essere perchè si tende a celarlo e trattenerlo, quasi a dimostrare che il non piangere è prova di forza e coraggio.. Ma non è necessariamente così. Bella questa lirica che viaggia nell'io e lo descrive così bene diventando spunto per tante riflessioni
  • rosanna gazzaniga il 26/06/2011 21:03
    La resa al dolore, la scelta di non combattere più: sofferta e devastante, ma utile. solo dopo ancora si sorriderà alla vita, alle sue bellezze, all'amore. Struggente poesia Giacomo, emozionante!
  • rita gargaglione il 26/06/2011 18:28
    Molto struggente, come sempre la tua poesia colpisce il cuore e lo conquista. Bravo davvero!!
  • Don Pompeo Mongiello il 26/06/2011 13:25
    Lo Magno il tuo capo di alloro cinge per questa tua veramente super eccezionale!
  • Giusy Lupi il 26/06/2011 13:03
    Bellissima Giacomo amico caro, piangi, piangi se ne hai voglia a volte fa molto bene, ma non dimenticare anche di sorridere, insieme hai tuoi figli e la tua famiglia...
    Ma nessuno potrà capire... perche nessuno potrà sentire...
    Ogni sentire è dentro noi stessi, nessuno può e mai potrà entrare in noi e sentire ciò che proviamo, ma bisogna sempre andare avanti, complimenti per la splendida poesia, sentita e piaciuta. ciao amico Giusy
  • angela testa il 26/06/2011 00:56
    che scriverti giacomo... mi hai fatta piangere sul serio... nessuno potra mai capire le lacrime quando appartengono a tè... ma fermiamole andiamo avanti giacomo senza arrenderci mai... diventeranno lacrime di gioia con il cuore per tè... meravigliose parole... da incorniciare... grande giacomo...
  • Bruno Briasco il 25/06/2011 21:20
    "pianti, figli del mio cuore..." una poesia splendida con un finale magnifico. Bravo è dire poco!
  • Anonimo il 25/06/2011 19:43
    Come ti capisco!!!!! Però sei stato tu a dirmi di andare avanti... così mi fai perdere speranza... in ogni caso bravissimo, ciao amico
  • Francesca La Torre il 25/06/2011 15:36
    Piangere fa bene a tutti: intanto significa che si ha molta sensibilta' e interiorita' e se tutto cio' ci fa soffrire, allora il pianto e' il miglior sedativo, dopo ci si tira su le maniche!
  • coccinella settantotto il 25/06/2011 10:02
    piangi, piangi tutte le volte che ti va di farlo, piangere non è segno di debolezza, e non devi sforzarti di farti capire da nessuno... tu solo sai le sofferenze racchiuse nel tuo cuore quando "allegerirle" con un bel pianto... un abbraccio
  • bruna lanza il 25/06/2011 08:32
    Giacomo tu sei un dono dell'arte, hai un modo di porre i versi che non stanca, anzi sprona a leggerti tutto e ne vorremmo ancora. Questa tua inquietudine interiore che lasci fluire con dolci lacrime, questo arrendersi alla vita, sei un poeta completo
  • Vincenzo Capitanucci il 25/06/2011 07:43
    Sono lacrime di sole... portano con loro... devastanti... dolci.. emozioni... a cui l'anima dell'Uomo non può resistere... son figlie del profondo Cuore dell'Universo... con Esse.. l'Essere si fonde..

    Splendida Giacomo... nessuno potrà capire... se non fa parte del Suo Sentire...
  • Sergio Fravolini il 25/06/2011 06:28
    "perché nessuno potrà mai sentire" ...

    Sergio
  • - Giama - il 25/06/2011 01:02
    le lacrime di un uomo sono il segno della sua maturità, è il momento in cui lascia parlare il cuore...
    ricordo che la tua prima immagine nel sito, o una delle tue prime, fosse proprio una lacrima su un viso; ora sorridi nella foto attuale...
    comunque è sempre il tuo cuore che parla e che scrive!

    complimenti caro Giacomo!

    ciao gia
  • ilaria chiado' rana il 24/06/2011 23:24
    Molto triste, mi fa piangere anche a me... bellissima molto profonda.
  • nicoletta spina il 24/06/2011 23:13
    Malinconica e molto bella.
    Piangere a volte non è debolezza ma liberazione...
    e dopo le lacrime spunta il sorriso.
    Questo ti auguro, amico mio.
  • Anonimo il 24/06/2011 22:14
    Diverse espressioni di pianto che appartengono all'uomo, al suo essere realtà vera, umana, alla sua capacità di emozionarsi e di essere libero di esprimere i propri sentimenti.
    Una poesia che mi colpisce, non solo per la sua bellezza, ma perché da essa si riconosce la personalità dello scrittore. L'uomo che non è un uomo che non deve chiedere mai, ma una persona dotata di fisicità e di interiorità. Bravissimo amico mio.
  • karen tognini il 24/06/2011 21:34
    Molto bella Giacomo...
    una velata tristezza da spazzar via...
  • Anonimo il 24/06/2011 21:26
    Una poesia che mi ha molto colpito per la profondità delle tue parole e del tuo sfogo. Condivido pienamente il tuo sentire. Bellissima poesia!
  • michela salzillo il 24/06/2011 20:14
    Bella Giacomo, le lacrime tristi o gioiose che siano, sono il manifesto delle nostre emozioni... Sono il canale nel quale i nostri sentimenti si liberano in un grido sommesso.
    Complimenti per la naturalezza con cui hai descritto tutto questo. Bravo
  • Alessia Torres il 24/06/2011 19:59
    Lacrime di diversa natura ma pur sempre lacrime che mettono a nudo la nostra sensibilità... Le lacrime sono spesso sintomo di angoscia ma hanno anche il potere di ripulirci di ogni grigiore... Bellissime parole Giacomo!
  • loretta margherita citarei il 24/06/2011 19:25
    cos'è questa tristezza giacomo? comunque splendida poesia
  • silvia ragazzoni il 24/06/2011 19:15
    bellissima Giacomo... lacrime che rubano il tuo io, il sorriso, lacrime prepotenti che ti acchiappano all'improvviso a volte senza avvisare..."pianti figli del mio cuore, ho paura di aver finito le parole. Nessuno può capire.. nessuno può sentire" bravissimo!
  • Cristina Cirstea il 24/06/2011 19:10
    Molto bella, bravo Giacomo! vi cedo me stesso la mia anima.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0