accedi   |   crea nuovo account

Soave ridondar

L'ovvio che discenderà
in quel rivisitar amore
non confuterà
lacuna
né tra le braccia svanirà.

È tenero abbracciar respiro
che sul tuo seno accosto lobi
ed è quel sussultare dentro,
il gioco che più ammiro
le tue braccia a serrare il petto...
che quel tuo viso Angelico m'irradia
la tua bocca di rossetto.

Flesso quel bacio
nel turbinar che serra bocca
in eco lo scambiar d'umori,
soave ridondar...
tra gli occhi le pupille
lo specchiar gli ardori...
tra le guance lisce,
un mondo di colori.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Donato Delfin8 il 25/06/2011 13:59
    Ah bè mappate ovvio che flesso lì c'è tutto il raccordo anulare eh sì
    Molto bella
  • Cinzia Gargiulo il 25/06/2011 13:54
    Un crescendo di passionalità in questi versi ben stilati.
    Molto apprezzati...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0