PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Reza Hoda Saber

Quel che posso :
è di non ingerire
ciò che entra in me a darmi vita
Questa poca saliva ora urli
e di suoni riecheggi in richiamo.
Impotente davanti alle armi
innalzo a mio scudo la fame
quale ultima condanna al mio mondo
di vili e corvidi umani.
E possano questi reni svuotati
questo lieve pulsar delle vene
aggiungersi all'indignazione per l'uomo
che si adopra a sopraffar altro uomo.
Non muore la fame e la sete
e il corpo si spegne per sempre
sigillo il mio urlo alla vita
risuoni la mia libertà

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Giacomo Scimonelli il 26/06/2011 13:27
    considerazioni e pensieri apprezzati e condivisibili... Poesia ben stilata... piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0