username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Scalzo

Scalzo alla finestra aperta odo:
Ora un cane che abbaia
Ora la vocina di un bimbo che racconta ascoltato a sua madre
Uno zirlo dall'olmo
L'odor del l'erba tagliata di giugno
Rumor di telegiornale da un altra finestra
La sera che è giunta a chiudere il giorno
Respiro di naso e sorseggio
a lungo
vino e calma.

 

3
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • fernanda battagliese il 01/09/2012 20:31
    Ti trovo per errore e mai sbaglio fu così felice. Poesia piaciutissima!
  • teresa... il 09/07/2011 14:21
    molto molto bella andrea mi è piaciuta semplice ben scritta diretta E VERA BACIO GRANDE CIAO
  • Giacomo Scimonelli il 27/06/2011 09:46
    bella... intensa e ben scritta
  • silvia leuzzi il 26/06/2011 23:41
    Come un quadro composto da piccole e delicate pennellate che nel variopinto circo di colori saggiamente compone questa intensa scena di vita che il poeta scalzo di fronte al mondo osserva dall'alto dei suoi pensieri ingoiando vino e calma. Molto bella e sentita
  • Anonimo il 26/06/2011 23:21
    Solo scalzo, sai di essere un tutt'uno con la terra... in questa splendida infinita connessione, quasi a ricordare il tempo del cordone ombelicale, senti di essere un UNO unico e infinito! Bravo!!!
  • loretta margherita citarei il 26/06/2011 21:59
    molto intensa, bella poesia
  • karen tognini il 26/06/2011 20:58
    È tutta vita... bella la condivisione con il vicinato rumoroso...
    bella poesia Andrea...
  • Andrea (le tre Botti) il 26/06/2011 20:16
    Trovare la meraviglia nella quotidianità? Grazie Elisa!
  • ELISA DURANTE il 26/06/2011 20:13
    Un Giugno alla grande! Ferie iniziate? O meravigliosa quotidianità ?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0