accedi   |   crea nuovo account

Fiore sotto la pioggia

Io tremo nelle mani
Ed il mio spazio ritroverò
Non esiste il mio letto
È guardarti dormire;
L'unica forma di notte
Che risuona nel mio petto.
Io vedo il mio domani
Come gracile di cuore
Non saper sorseggiare
Un silenzio che s'annida
In un intimo stupore
Perché è dall'acqua qui
Il volersi allontanare
Un disegno di carta straccia
Quel mosaico di poesia
Che dipinsi per te.
Io non sono un artista
E mi copro sempre gli occhi
Perché ho bisogno d'amore
Ogni volta che mi tocchi
E mi inchino al mio timore.
È dall'acqua il mio volerti
Non smette di passare,
Un giorno si è prestato
Come una fede da esortare
Al vuoto più passivo;
Io avevo un altro codice
Un animo più schivo
Ma se conosci un limite
Sogni sempre di volare.
Ed io con le mie sparate
Racchiuse in un tormento
Tu che per me sei estate
E poi passi in un momento.
Alle volte sai tornare
Ed alberghi in un tramonto
Perché ricordare
È il lusso di non viverti
Ed immaginarti sempre sola
Che ritagli profili di luna
Confidarti una parola
Per strappartene ancora una
Al margine dell'aurora.
Ma io lo so che qui
Noi siamo ancora lontani
Io ti preferisco perfetta
Perché tremo nelle mani
E dalla fonte non so bere
Costeggiare il tuo sorriso
Nei riflessi d'un bicchiere

123

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Massimo Genovese il 24/10/2011 17:36
    molto bella!! un po' lunga ma letta tutta con piacere! bravo!
  • loretta margherita citarei il 27/06/2011 17:24
    bella anche se lunga
  • Ada Piras il 27/06/2011 11:23
    Lunga ma molto coinvolgente. BELLA.
  • Anonimo il 27/06/2011 07:13
    davvero molto bella!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0