PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Invito alla rivolta

Le cose si erano messe bene
noi andavamo d'amore e d'accordo
poi tutto è cessato
come un muro il mio sogno si è sgretolato.

Era la stagione più bella
quella del nostro amore
la più viva
la più intensa
eppure è terminata.

Una tua stupida mossa
una mia incomprensione
forse
ora che ho cambiato la mia opinione
tutto ciò è irrilevante.

E dopo il sogno
Un tuffo di testa nella realtà.

Non pensavo fosse così vuota
non immaginavo il nichilismo
eppure era davvero così
la moneta era il nuovo sovrano.

Cercavo una comprensione
avevo attuato la mia riconversione
indirizzato gli orientamenti
modificato le mie abitudini
ma invano
tutto era superficiale
nessun ideale da adottare.

Speravo in acque profonde
Invece subii l'impatto
E mortale fu il colpo.

Ora che non ho motivi per tirarmi indietro
vi racconterò cosa ho visto
quello che penso
e senza mezze misure
non posso che essere sincero
è il momento della verità
la resa dei conti è adesso.

Perciò dirò cose scomode
che non piaceranno ai potenti
ma anche fatti rischiosi
azzardati da chi non ha nulla da perdere.

123

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 28/06/2011 15:12
    Cambiare un sistema come il nostro è complicatuccio... ma WOW raccolgo il tuo invito... e mi unisco al tuo grido con tutto il CUORE!!! che diventi almeno un ponte per le sempre più numerose isole che galleggiano in un oceano sempre in burrasca!!!
    Bravo e complimenti Vasily!!!!
  • Anonimo il 28/06/2011 14:05
    bella, potente e consapevole. Che dire di più? Bravo!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0