accedi   |   crea nuovo account

Luglio

Li romani antichi
pure ne li mesi
casino assai
faceveno;
chi lo stesso mese,
e non corresponneva;
Quintile,
Romolo
lo volle;
ma Cesare,
bocciatolo,
Iulius
in suo onore
lo nomignò;
ma se Quintile
er quinto mese
era,
Iulius
ar settimo
se locava
e se loca;
mamma mia
come a capa
me vota gue!
C'avete
quarche cosa
voi capito?

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 29/06/2011 08:33
    ai tempi di Romolo i mesi erano 10... a dicembre si smetteva di contare... e si riprendeva a marzo... forse così aggiustiamo il Quintile Iulius.. lol..
    ma quante volte è stato cambiato il calendario romano... da non capirci più un Numa Pompilio... lol..
    bravo Don...
  • Anonimo il 29/06/2011 00:47
    Non sono brava con i Puzzle... mi pare che sia caduta la poesia dal foglio ed ora i pezzi sparpagliati andrebbero composti... Siccome so' romana, proverbialmente pigra e fatalista, credo fermamente che la vera immagine ci sia... "che ce frega, e che ce 'mporta de vedella"
  • Attanasio D'Agostino il 28/06/2011 22:46
    non ho capito bene ma mi fido...
    di te e de "Li romani antichi"...
    un caro saluto Tanà.
  • Anonimo il 28/06/2011 21:32
    Caro Don, che ce frega de capicce, famo a fidasse!
  • loretta margherita citarei il 28/06/2011 21:16
    simpatica, strani sti romani...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0