PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Stanza, distanza

Sono qui e aspetto,
l'aspetto trasandato,
e il sudore freddo.
Poi ti scrivo impaziente,
un gesto disperato
ma voluto razionalmente.
La tua risposta e' rigida?
semplicemente ruvida?
Poi mi calo dalla finestra
ed arrivo nella tua stanza,
o ad una spaventosa distanza.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Ada Piras il 01/07/2011 14:20
    Che bella, mi è piaciuta molto
  • Don Pompeo Mongiello il 01/07/2011 12:03
    Molto piaciuta ed apprezzata questa tua veramente bella!
  • ernesto musiari il 01/07/2011 10:53
    ahahahahah grande Elisa!!! in effetti potrebbe funzionare
  • Giacomo Scimonelli il 01/07/2011 07:26
    piaciuta... ben scritta
  • loretta margherita citarei il 30/06/2011 21:53
    molto originale apprezzata piaciuta
  • Anonimo il 30/06/2011 21:47
    A volte le distanze sono relative... così vicino eppur così lontano... è tuto relativo... anche il cuore... a volte batte per amore, viene sottoposto a stess incredibili, rasentano l'infarto... ma il più delle volte, per i sopravvisuti, poi viene di domandarsi... perchè??
  • ELISA DURANTE il 30/06/2011 18:38
    Perchè non ti cali dalla finestra con una proposta rigida? Forse si ammorbidirebbe!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0