PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'afa

E'
come se
su un fuoco
già acceso
s'inforna altra legna
a sprigionar
ancora più calore

è come se
il lampadario
appeso nello spazio
avesse sostituito
le lampadine
con altre più potenti...
irradiando luce
ancor più intensa
genera canicola

è come se
l'estate
leone di fuoco
ruggendo
soffiasse
il caldo torrido
che prati verdi
muta in arida terra
di savana.

E'un'assenza di vento
è una calura estiva
che tutti fa ansimare
sospirare
sognare il refilo dell'aria
che dovrebbe tornare.

Se a lungo persiste
è forse per portare
al pentimento
chi
maledì nei giorni
d'inverno
l'algido vento.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • viktor il 27/06/2012 22:23
    Bellissima... ora pure sudo!!!!
  • Anonimo il 05/07/2011 12:38
    che afa fa... zizi brava Loretta... bellasì!!!
  • Menichetti Serenella il 05/07/2011 09:39
    Ottima descrizione poetica dell'afa. Brava, molto piaciuta.
  • Santina Luzzi il 03/07/2011 13:00
    Molto bella ed ora che comincia ad arrivare l'afa è di sicuro effetto!
  • Anonimo il 03/07/2011 08:36
    Brava Lor... sai descrivere meravigliosamente bene ogni cosa in forma poetica. Sei forte!
  • Vincenzo Capitanucci il 03/07/2011 08:02
    Bellissima Loretta... anche se venisse un inferno di calore... non mi pentirò mai di aver maledetto il freddo dell'inverno...

    per me è diverso... ho dovuto passare l'inverno... attaccato alle braci di un camino... per non congelare... fra brividi di freddo...
  • DOMENICO FRUSTAGLI il 02/07/2011 22:05
    Brava... hai descritto bene il senso di soffocamento di questa parola.
  • Anonimo il 02/07/2011 21:51
    hai espresso benissimo il significato di questa parola... brava...
    sto morendo di caldo...
  • Anonimo il 02/07/2011 21:16
    Io maledico l'estate da sempre... ero bimba e piena di meraviglia e aspettative... ma non c'è meraviglia nelle estati torride... c'è solo sudore, spossatezza e voglia di refoli di vento! Io vivo in città quindi cerca di essere clemente con me... in questo momento due ventilatori mi stanno aiutando a superare l'estate... non posso mai andare in ferie e godermi la montagna ad esempio o il mare e godermi l'alba salmastra... sono qui a commentare nelle mie piccole quattro mura calde!
    Ma felice di leggerti...
  • Giacomo Scimonelli il 02/07/2011 20:18
    ''... Se a lungo persiste
    è forse per portare
    al pentimento
    chi
    maledì nei giorni
    d'inverno
    l'algido vento.''

    difficile commentare dopo il commento del grande Ugo... bravissima Loretta
  • loretta margherita citarei il 02/07/2011 20:07
    grazie ugo, straordinario eccelso poeta
  • Ugo Mastrogiovanni il 02/07/2011 20:05
    Hai perfettamente ragione cara Loretta; "afa" deriva da due termini greci: <aphé> che significa -accensione- e da <<apheyò>> che ha il significato di (infiammazione), ne derivano quindi tutti i fastidi da te descritti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0