accedi   |   crea nuovo account

Giglio

Piccolo seme portato dal vento,
nel ventre caldo di una terra fertile,
accolto, coccolato, nutrito
cresciuto. Sbocciato all'alba
di un giorno d'estate.

Bianco tenero, profumato giglio,
che spunti radioso su un prato
di seta smeraldo, nutrito da terra
e da sole e, amato. Sbocciato all'alba
di un giorno d'estate.

Sei forte a intemperie invernali,
che il tempo scorrendo ha portato,
coperto da piante perenni
e protetto, amato, nutrito,
sei pronto alla vita futura.

Bellissimo candido fiore, che vivi
felice il tuo tempo, ignaro
che mostri che temi, vestiti di nero
e cattivi, a volte s'incontran davvero.

e, sempre non stanno nel bosco,
ne' in antri spettrali. Nessuno
ti ha detto, che belle e leggiadre
farfalle, talvolta si cambian la veste?

Le amiche farfalle, che volano attorno
al tuo cielo, posandosi sui petali lievi,
si scaldano al sole, giocose. Il vento
vi culla all'unisono, in danza comune.

Poi, il sole scompare ad un tratto, coperto
da velo grigiastro, ed anche la brezza va via.
La luce pian piano, si spegne. Un lugubre telo
di nero velluto, la cela del tutto. Ed è Buio!!!

Un brivido intenso e improvviso, ti scuote.
Lo stelo ed i petali tremano. Paura!
Mio Giglio adorato! " Farfalla soave e
leggiadra", si muta in orribile mostro,

dai denti bestiali e dagli occhi di fuoco.
Attonito e solo, soccombi, impaurito,
mio piccolo fiore. Un fragile petalo bianco,
si lacera e sanguina. Il mostro scompare, furtivo.

Lasciandoti il gelo nel cuore, un pezzo
di ghiaccio sì duro, che il raggio del sole
d'estate, ne' quello più caldo e cocente,
riesce mai a sciogliere, ne' piante perenni.

Dolore! dolore! Sconosciuto, straziante, sordo.
La terra, incredula tace. Si lacera dentro,
ti stringe, ti culla, ti nutre, ti coccola invano.
Affranta e impotente, si chiude, si secca.

Tu, fragile adesso, lo stelo piegato, mio tenero
giglio, piangente. Deluso e ferito, vorresti soltanto
tornare, quel piccolo seme portato per caso, dal vento,
nel tiepido, solido ventre, di tua madre terra.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • ELISA DURANTE il 04/07/2011 08:53
    Metafora di violenza innominabile, di uno stupro, mi sembra... Un nodo alla gola...
  • Giacomo Scimonelli il 04/07/2011 07:25
    ''... Tu, fragile adesso, lo stelo piegato, mio tenero
    giglio, piangente. Deluso e ferito, vorresti soltanto
    tornare, quel piccolo seme portato per caso, dal vento,
    nel tiepido, solido ventre, di tua madre terra.''

    brava ottimo stile... piaciuta ed apprezzata
  • Menichetti Serenella il 03/07/2011 19:40
    Grazie per l'attenzione Nicola, non sò se hai notato che c'èanche il tema della violenza.
    Saluti. Serenella
  • Nicola Lo Conte il 03/07/2011 19:07
    È pur sempre il ciclo della vita!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0