accedi   |   crea nuovo account

Il male

Ho visto il male di persona
E devo dirlo, non è brutto
Al contrario, è affascinante
Ti cattura con parole affabulatrici
Pronunciate con voce diretta e squillante
Parlando leziosamente di se
Trasformando i suoi difetti in virtù
I suoi capricci in simpatici scherzi

Il male non fa cattivo odore
Anzi, emette un profumo piacevole
Penetrante essenza che dalle narici si radica al cervello
Un'altra mosca con cui condire la sua esca

Il male non ti considera persona, ma oggetto
Non ti vede per quello che sei, ma per quello che gli puoi servire
Da buttare dopo essere stato vuotato
Come il più lercio e consunto straccio

Il male, per quanto si possa sforzare
Non apparirà mai sano
Le sue membra, per quanto nascoste
Saranno sempre segnate dalla sua natura:
Secche, nodose, scarnificate
Segnate dal suo stesso micidiale egoismo
Dalla sua imbarazzante pochezza
Dalla sua devastante aridità

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • mario durante il 22/09/2011 15:35
    Bella e piaciuta, metamorfosi dell'aspetto da irreale a reale, d'altronde per ingannare dobbiamo essere adescati con l'aspetto e modo appropriato.
  • Anonimo il 07/07/2011 20:23
    esaltazione e descrizione del male davvero notevole... mi piace
  • Anonimo il 05/07/2011 17:41
    quindi per quanto cerchi di camuffarsi alla fine lo si riconosce... complimenti bella
  • loretta margherita citarei il 05/07/2011 07:38
    belle riflessioni, complimenti
  • Agata Gatti il 04/07/2011 19:51
    molto bella davvero!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0