username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

A tutela di felice tristezza

Leggo leggi
scritte dall'uomo
a tutela di felice tristezza.

Che l'involucro è bello,
è un pacco garantito
nel quotidiano stantio

ma dentro è pelle morta
felicità seccate sfogliate
sparse nel vento secco dell'urlo costante
soffio dimora dell'io straripante.

Coppie d'attori incollate alla tv,
a recitare il reale con reale maestria.

Ma c'è chi però del cieco ha poco
vede il fier baglior
che piccolo si fa spazio
oltre il recinto del pattuito strazio.

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Maurizio Cortese il 05/07/2011 23:38
    Poesia carica di ossimori, come del resto la vita.
  • loretta margherita citarei il 05/07/2011 16:47
    complimenti ottima riflessione fa pensare, bravo simò
  • Anonimo il 05/07/2011 16:20
    sono d'accordo con anna rita... tempo lontano ormai comunque sempre bravo Simone...
  • Anonimo il 05/07/2011 14:31
    La solita, triste realtà che, come fiamma, consuma ma non sà più scaldare... povera, piccola scintilla, che fine ha fatto quell'attimo speciale, quando... ci si stringeva intorno ai falò per ridere e amare!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0