accedi   |   crea nuovo account

Il Paradiso

Una ragazza vestita di rosso
mi stava di fronte
la sentivo
la toccavo
diceva: "Baciami
non avere timore
sono venuta per te
rivolgimi la tua attenzione".

E restava lì
immobile
con lo sguardo fisso
penetrante
in attesa
e disumana bellezza
e quel vestito rosso
senza alcun indumento sotto.

E sentivo l'eccitazione
salirmi la pressione
il mio cuore scalpitava
la pelle d'oca
perfino il tessuto cutaneo lievitava.

E tutto s'induriva
i lineamenti, i muscoli
addirittura la barba.

La tensione
diventava pulsione.

Ed era vera
quell'illusione.

E poi il risveglio
mi sentivo al settimo cielo
apro gli occhi per ripassare il contorno
il vivo ricordo
di quella donna venuta da lontano
e poi sparita
rapita dall'immaginazione.

E spero in un suo ritorno
che la sua grazia si posi sul mio corpo
di nuovo
per raggiungere le stelle
l'infinito
non vedo l'ora
fremo di tornare in paradiso.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 05/07/2011 14:06
    bravo Vasily, capitano questi sogni, ed è meraviglioso.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0