PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Esquilino

Cipolle fritte
o bollite
servite su piatti di stracci
da occhi a mandorla deportati.

Negozi vuoti
forse copertura di mafie
da identificare
espongono merce
tutta uguale
poggiata su bianche pareti d'ospedale,
senza allegria.

Cipolle e orina
piedi piagati
di paraplegici mal messi
con la mano tesa
in assenza di servizi.

Umanità che striscia
lungo strade sporche
che conobbero ben altri fasti
di questo consumismo
che si disfa
tra mani mendiche
di un ubriaco solo.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 17/07/2011 22:43
    Bellissima esternazione assolutamente mal votata...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0