username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Rinascere

E quando un temporale
esplode maligno e si
porta via la corrente,
allora la luce si spegne
ed è buio.
La minestra si raffredda,
La fiamma traballa
e poi muore.
La coperta di linus
scompare.
Allora un silenzio
di cristallo scende,
di vita barriera.
La morte accarezza,
leggera, col suo alito
freddo, il mio corpo,
ed io non la sento.
I sensi storditi ubriachi
si fermano, mentre
come pipistrello, sbatto.
Giorni e giorni così
fino a che un vento
leggero mi sveglia,
qualcuno la spina
ha riattaccato, un
brivido mi scorre.
Il muro di cristallo
s' infrange.
È la vita che riemerge
e ricomincia il percorso.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Giacomo Scimonelli il 06/07/2011 21:21
    la poesia è bella.. ma i versi che riporto sono FANTASTICI...
    ''... I sensi storditi ubriachi
    si fermano, mentre
    come pipistrello, sbatto.
    Giorni e giorni così
    fino a che un vento
    leggero mi sveglia,
    qualcuno la spina
    ha riattaccato, un
    brivido mi scorre.
    Il muro di cristallo
    s' infrange.
    È la vita che riemerge
    e ricomincia il percorso.''


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0