PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Er pizzetto

Mò frequento na donna che je piaceno
quel'omini che porteno er pizzetto...
su le foto de quanno conviveveno
c'è un omo che se vede co 'n perfetto
strato de peli tutt'intorno ar mento..
puro chi prese er posto der marito,
un'altra faccia, ma stesso ornamento:
se vede un gran ber pelo rifinito
ch'incornicia 'no sguardo da bandito..
e er primo amore che fece l'amante,
quanno er marito invece fece er becco,
co 'na divisa lucida e fiammante
sfoggia un mento che guardi e resti secco..

l'altro giorno me fa : - caro vorei
che te facessi cresce un ber pizzetto
ch'a me me piace.. te dico.. nun saprei..
ma un ber pizzetto è tutto n'antro effetto.. -

sotto cinque centimentri dar naso
me stò a fa cresce un pelo moschettiere
quanno me guardo penso: - sarà un caso
ma già me vedo messo tra le cere
de un museo de ricordi tutti sui -..
già vedo n'antra faccia da barbiere
guardà un album de foto e de chimere
dove oramai ce manca solo lui..

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Antonio d'Abbieri il 10/06/2015 15:39
    Ho scoperto l'autore Giulio Costantini perché me l'ha segnalato l'amico Giuseppe Abb.
    La prima poesia che ho letto, questa, mi ha lasciato letteralmente senza parole per quanto è piacevole e divertente. Anche la metrica è quasi perfetta. Resto ammirato di fronte a tanta bravura.
  • Solo Commenti il 05/08/2011 00:46
    Sì, decisamente bravo.
  • Nicola Saracino il 03/08/2011 00:43
    e vabbè... diciamo che qualcuno è rimasto muto, colpito, ammirato... anche dispiaciuto di non avere ancora parlato. E qualcun altro è un pezzo de legno. N
  • Nicola Saracino il 01/08/2011 16:51
    45 letture e solo il mio commento... per un'opera di rara intensità. Mah, c'è qualcuno che legge, qui???
  • Nicola Saracino il 14/07/2011 21:30
    Questa è poesia signori. C'è la vita, il dramma, il ricordo, la speranza... e poi gli idoli celati nella caverna ricoperta da un pizzetto immarcescibile. È una vera meraviglia.
    Grazie Giulio! N

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0