username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Le lenti del mondo

Tieni, prova queste.
Vedo tutto rosso, è un rosso che gocciola, liquido.
Prova con queste, cosa vedi?
Tra il rosso vedo alcuni visi con gli occhi chiusi
e la bocca semiaperta.
E adesso cosa vedi?
Non c'è più il rosso
però vedo volti tristi, scarni, nudi, sporchi.
Prova con queste, va meglio?
Ora vedo tante persone bianche,
belle, pulite, grasse e più in là una macchietta marrone.
Con queste cosa vedi?
Quella macchietta marrone è un bimbo
magro, sporco, triste, solo e piange anche.
E le persone grasse e bianche?
Stanno ridendo,
contano delle carte colorate in mano.
Soldi
Ho capito. Tieni, prova queste. Cosa vedi adesso?
Niente. Solo una luce forte bianca,
accecante ma bella,
che fa dimenticare tutto.
Ok, perfetto. I tuoi occhiali non li faremo mai
con queste lenti.

 

1
6 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Antonio Garganese il 02/08/2012 16:18
    Quest'opera rende bene l'idea che la differenza di ideologia non risolve i problemi dell'essere umano perché una società realmente democratica basata sulla capacità, fatalmente, non accontenta tutti.

6 commenti:

  • Anonimo il 14/07/2011 12:52
    metafora scritta molto bene... con i colori delle lenti... complimenti
  • teresa... il 11/07/2011 23:33
    fantastica, hai trattato con maestria temi importanti mi è piaciuta moltissimo bravo buona serata
  • ELISA DURANTE il 11/07/2011 19:47
    Meglio vedere la realtà nelle sue piaghe quotidiane che dimenticare tutto con un flash.
    Chi dimentica tutto non può tentare di modificare. Piaciuta!
  • loretta margherita citarei il 11/07/2011 16:55
    originalissima complimenti apprezzatissima
  • Anonimo il 11/07/2011 15:13
    chi non vorrebbe quegli occhiali...
  • vincent corbo il 11/07/2011 14:45
    Una composizione lucida, intelligente, tagliente che evoca un lontano senso di estraneità.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0