PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Vita di un giocatore stupido ma fortunato

A belota
l'atout era un cuori
a tutto spiano

avevo sempre il Valet in mano
ma era uno schiavo coricato su un letto d'Amore

cercava solo una Donna di grande beltà

"bellotta" di seno con natiche argo nautiche ed un vello d'oro senza età

persi tutti gli Assi del cargo

a tre sette
non ho fatto
che bussare e volare sul tavolo verde

nello striscio e punto mi sono consumato gli occhi

ed ho perso anche la partita a briscola
raccogliendo
soltanto briciole di punti e 59 anni vissuti a metà senza la mia metà

fra due anni vi assicuro vincerò sto curando gli assi roteanti

a ruba mazzetto
mi han fatto un mazzo così

non potete vedere il gesto ma avete capito

sono rimasto senza niente neanche una mazzetta per carta d'identità
eppure ero raccomandato dalla Dama del Monsignore

ma forse confondo i giochi

persi la mia italica dignità

a scopa
non ve ne parlo

da buon francese a Lei donai Tutto primiera dentiera carte e ori

rimanendo nudo
magro manico di scopa

con il sette bello conservato in una tasca del corpo
un berretto basco di musica in testa

ed una deliziosa croccante "Baguette" sotto il braccio

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • loretta margherita citarei il 13/07/2011 21:05
    che dirti? sensazionale 5000 stelline
  • Anonimo il 13/07/2011 16:45
    Vita di un giocatore saggio e fortunato. Spettacolo estivo in freschezza d'animo per ogni stagione. Grande Poeta!!! Anima che sa entrare ovunque, trascende i suoi anni biologici ed è sempre stato insieme alla sua metà, anche perché ce l'ha dentro di sé da sempre per sempre
  • Donato Delfin8 il 13/07/2011 14:52
    la vita è un gioco d'azzardo sotto al bancone del pane!

    ottima Vincè
  • ernesto musiari il 13/07/2011 12:13
    ah, che bello il gioco delle carte!!!
  • karen tognini il 13/07/2011 11:41
    a ruba mazzetto
    mi han fatto un mazzo così

    non potete vedere il gesto ma avete capito

    sono rimasto senza niente neanche una mazzetta per carta d'identità
    eppure ero raccomandato dalla Dama del Monsignore
    ahahah Vincenzooooooo...
    ti sfidero' alla prima occasione a Briscola.. l'unico gioco di carte che adoro...

    Stupenda poesia.. c'è il tuo humor fantastico e la tua fervida fantasia...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0