accedi   |   crea nuovo account

Il mondo parallelo

Dal mio cantuccio
immerso nelle coperte,
ti contemplo
gettata sulla parete.
Sotto il mio sguardo
fremi, ti contorci,
in te si schiude
la fiamma flebile.
E vivendo
di luce propria
forse ti alzerai
andando a ricomporre
i fili d'una normalità
diversa.
Lucertola di sole,
traverserai le tue strade,
reciterai sul proscenio
un copione
di movimenti impercettibili
ed emozioni gestuali.
E quando al malesser vago,
al chiaroscuro incompleto,
porrai domande
malcerto forse
ti balenerà il sospetto
d'esser l'ombra
d'un ombra qualunque.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Antonio Pani il 15/09/2011 09:45
    Mi piace, in alcuni passi la trovo vicina al mio sentire. Bello l'ultimo verso, che racconta di una grande verità. Grazie per attenzione e commenti, a rileggersi, ciao.
  • Anonimo il 13/07/2011 21:31
    Un poeta si emoziona anche davanti a cose semplici. bravo.
  • loretta margherita citarei il 13/07/2011 21:02
    ottima poesia, notevole complimenti
  • Anonimo il 13/07/2011 13:57
    bravissimo, ottima poesia. percepisco osservazione in chiaro di sole, vita comune che s'espone con normalità. ciao Salva.
  • Menichetti Serenella il 13/07/2011 11:46
    Lucertola di sole,
    traverserai le tue strade,
    reciterai sul proscenio
    un copione
    di movimenti impercettibili
    ed emozioni gestuali.
    Splendida veramente splendida! Complimenti