PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

O' suonno è n'emigrante (Il sogno di un emigrante)

Quan'ero creaturo, papà mio
se trasferette indà nu paese straniero:
partì pe' me'
fuje nu poco comme a' murì!

A' vecchia vaporiera
correva'ncoppe e' binarie
sbuffanne e arranganne
senza se fermà;
ij vedeve Napule mia
e' s'alluntanà semppe e' chiù.

Intant 'o fumme
c'asceva da' cemmenera
accummigliava o' cielo azzurro
da città mia
tignenele e' nu' niro cupo.

A' dint a' l'uocchi miej
scennette na lacrema
pensanno a' chelle ca' lassavo:
a' gente mia, l'amici miej,
e' pariente e a' terra natia.

Mo' da' emigrante,
in d'è suonne miej
veco o' mare, e vicule affollati,
e' panni stise tra nu palazze e nato,
e' nonne chiacchierà fora e' vasce,
e femmene s'accapiglià
e creature jucà e alluccà;
veco nata vote a' ogn'incroce
nù venditore ambulante
ch'allucca
pe' dicere a' gente d'accattà.

E che dicere e' l'altarini
mise n'coppe e' strade
arò a' gente prega cò fervore,
caà speranza d'into' o core
e 'nà meglia vita?

Pure tu, vecchio pino,
segno eterno da' bella città mia,
si caruto malato:
t'hanno levato!
Se ne vanno co' te'
tutt'e ricordi da' gioventù mia.

Je spera c'a' nu jiurne

123

2
6 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 01/10/2013 14:54
    apprezzata complimenti...

6 commenti:

  • Marcello De Tullio il 07/12/2011 09:55
    Questi miei modesti versi li ho scritti perchè raccontano la verità di quando mio padre funzionario delle Ferrovie Italiane venne trasferito ini Svizzera ed io da ragazzo mi recavo ogni tanto alla Stazione per vedere gli emigranti Italiani che giungevano per poter lavorare e tutto queste immaggini sono rimaste per sempre nel mio cuore, e questa mia è dedicata principalmente a loro.
  • angela testa il 24/08/2011 14:03
    QUANTA DOLCEZZA HAI FATTO ENTRARE NEL MIO CUORE... GRAZIE... LA NOSTALGIA SI Fà SENTIRE SEMPRE DI PIù... MERAVIGLIOSO QUELLO CHE HAI SCRITTO GRAZIE GRAZIE GRAZIE...
  • Anonimo il 27/07/2011 15:13
    bella piena di nostalgia... il vecchio pino... che ancora si vede su vecchie cartoline... marcello sei unico grazie per questi bellissimi versi... un abbraccio
  • ELISA DURANTE il 15/07/2011 07:00
    Versi speciali, nostalgici ma anche dolci come nu babbà !
  • loretta margherita citarei il 14/07/2011 21:40
    sempre piene di sentimento le tue, complimenti 1 bacione fratellone
  • cristiano comelli il 14/07/2011 19:54
    Napoli è magica in tutto. Difendiamola strenuamente da chi vuole ridurla, stupidamente, soltanto a munnezza. Chi fa così vuole solo mostrare a munnezza che sta nel suo cervello limitato.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0