PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Dolce morte

Manciate di momenti planano
come libellule,
Disperdendosi sul letto dei miei ultimi ricordi
Che come bimbi mi sorridono
Mi abbracciano, mi toccano
Mi spogliano.
Gli occhi attoniti,
stregati dalle immagini
dei vascelli sui quali la mia anima
ha vagabondato,
ha inteso l'armonia degli accordi dell'amore
stretta nell'abbraccio di infiniti corpi caldi.
La mia anima nata libera cammina
con i suoi stracci, senza veli
e guarnita da fasci di luce
dimentica il fardello delle sue croci
passando oltre nel mondo delle anime perdute
che nel bagliore ritrovano la voce.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • Pepè il 17/07/2011 00:55
    Una morte molto malinconica che non fa paura, è un passaggio che porta solievo anche se non conduce in un posto splendido come il Paradiso. Mi è piaciuta in particolare l'immagine iniziale dei momenti che planano come libellule.
  • Anonimo il 16/07/2011 09:42
    Intensa e malinconica la tua bellissima lirica affascina con il tuo meraviglioso mondo interiore che traspare da ogni versi. Sei fantastica Teresa, ciao complimenti
  • karen tognini il 15/07/2011 21:08
    Bellissima.. complimenti sinceri!!! La mia anima nata libera cammina
    con i suoi stracci...
    senza veli
    e guarnita da fasci di luce
    .. bei versi...
  • - Giama - il 15/07/2011 00:00
    intensi versi, attraverso i quali si legge il sogno e che conduce ad udire quella voce... dell'anima!
    splendida!
    Ciao Gia
  • Giacomo Scimonelli il 14/07/2011 21:17
    bellissima... la chiusa è chiara... ben stilata...
    ''... La mia anima nata libera cammina
    con i suoi stracci, senza veli
    e guarnita da fasci di luce
    dimentica il fardello delle sue croci
    passando oltre nel mondo delle anime perdute
    che nel bagliore ritrovano la voce.''
  • cristiano comelli il 14/07/2011 19:48
    La morte, attraverso la poesia, si rende nuova occasione di vita, anzi, garantisce alla vita il marchio indelebile dell'eternità.
    Complimenti.
  • mario durante il 14/07/2011 18:10
    Anime perdute che nel bagliore ritrovano la voce. È bello!
    Rinascita al chiaror della speranza!
  • vasily biserov il 14/07/2011 17:55
    l'ho trovata un po' banale, ma bella!
  • Menichetti Serenella il 14/07/2011 17:00
    Veramente notevole, complimenti.
  • Anonimo il 14/07/2011 16:46
    Veramente bella, molto brava.
  • Anonimo il 14/07/2011 16:31
    l'anima non ha bisogno di coprisrsi... la luce che l'avvolge è il suo velo... attimi, ricordi, ti abbracciano ti toccano ti spogliano prima di andare... ora il tuo spirito è libero fascio di luce che trova la pace passando oltre... complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0