PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La logica del Potere

Che caldo!
Maronna mia ch'cavr.
Nun se respira,
manc'll'aria;
pur'a nott'è a stessa cosa.
Vuò vedè ca o Guvern,
nel suo delirio,
ha tagliato pure ll'aria?

Sarrà proprio accussì!

Stì quatt magnafranc,
ca po sò semp'e stess,
pe nun tuccà i propri interessi,
furbescamente
hanno penzato:
e stipendi l'hamm bloccat,
e penzion l'hamm tagliat,
si se vonno curà, hanna pavà,
e senza sold nun'o ponno fa;
mo, e tagliamm ll'aria,
accussì,
nu poco e gente mor.

Sarà una svolta epocale!

Abbatteremo la spesa sociale,
meno pensioni
e posti liberi
per giovani lavoratori.

È l'uovo di Colombo!

Anzi, nà legge naturale;
chi nun ten'e sold pe campà,
è meglio ca mor!

 

2
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 16/05/2016 10:12
    Il tuo silenzio mi preoccupa, ma questa tua mi conforta.

2 commenti:

  • Pierpaolo Orefice il 03/04/2013 08:43
    Il concetto darwiniano di selezione naturale nella sua più "innaturale" e crudele applicazione. Per Darwin era la natura che andava avanti. Qui è, purtroppo, il mondo che va indietro. Eh si, "sarrà proprio accussì"...
  • ELISA DURANTE il 15/07/2011 07:18
    Satira pungentissima, spalmata di fiele d. o. c. !

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0