accedi   |   crea nuovo account

Io

Immergo il mio dolore
nella pianta della vita

Avvolgo le coperte
usate per la lotta

Apro le braccia al cielo
per ringraziarlo

M'inginocchio al cospetto di chi
mi ha salvata

E adesso rinato un fiore
dalla terra
dolente di dolore e
pieno l'euforia

Ora calpesto l'asfalto scottante
ed i raggi del sole non s'infrangono

Resisto
Resisto e m'impongo al male dell'essere
Forse un po' ribelle
ma cosciente e viva
al battito della vita.

Non conosco il mio destino
ma sto prendendo un cammino
che mi porterà lontano.

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Aedo il 20/11/2011 20:19
    Un'intensa ricerca introspettiva, che rivela la tua fine sensibilità. Brava!
    Ignazio
  • morena amparore il 15/08/2011 21:31
    grazie per i vostri commenti... mi fa piacere che vi piaccia la mia poesia!
  • Anonimo il 08/08/2011 09:01
    Letta a caso, poichè ancora non so destreggiarmi, ma sono stata fortunata. Condivido il pensiero dei miei predecessori. Gran bel modo di esprimere se stessi. Ti auguro ogni bene. Cordialità.
  • Bruno Briasco il 21/07/2011 17:15
    Benvenuta nella vita reale cara Morena. Bella poesia introspettiva. Sono col pensiero di Elisa.
  • ELISA DURANTE il 15/07/2011 07:34
    Poesia che denota grande sensibilità e determinazione. Piaciutissima!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0