accedi   |   crea nuovo account

Crisi

Stride l'arcano fondale
incubo senza fondo
sprigiona liquami
atri alcova agra.
Stritola il sarcofago
contorto nella luna
avvizzita e grama.
Preludio di follia
come cancro scavato nel sospetto.
Crettano i sogni
in una notte infranta.
Calvario inerte riesuma
fantasmi senza rifugio
assiso all'angoscia.
Rigetta brani di menzogna
orrida strage
d'acri oblii
sempre virando verso
deluse attese.
Grida lo spasmo
dilaniato, squarciando
attonito la lapide
seppellita.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 24/07/2011 20:29
    Poesia in stile non anarchico, da leggere e rileggere, cercando di immaginare la crisi... ci proverò!
  • loretta margherita citarei il 15/07/2011 21:04
    complimenti poesia allo stato puro, notevole