username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Degenero

È ancora lì sulla porta.
"Non è vero! Devi smetterla!
Non sei un compagno di giochi!"

Nervose voci nel nulla
richiamano le mie mani:
"Costruite per di qua, presto."

Ho il raffreddore febbrile
vedo l'oltre dei miei sensi.
Butto via tutti i miei libri.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 29/07/2011 16:04
    Poesia molto interessante. Lascia volare la mente in situazioni, per alcuni ormai remoti, di difesa inconscia per avvenimenti accaduti.
  • Sergio Fravolini il 17/07/2011 08:50
    Esperienze che riempiono il dolore. Mi piace.
  • Pepè il 17/07/2011 00:38
    Grazie Teresa. Si le poesie con immagini criptiche spesso si prestano a diverse interpretazioni, è un po' il bello e il brutto di ricercare qualcosa di speciale. Il tuo commento però lo trovo molto pertinente.
    Ho cercato di descrivere un'esperienza emotiva inevitalbilmente peggiorativa di me, che mi ha fatto percepire tutto ciò che so come inutile.
  • teresa... il 16/07/2011 20:57
    davvero particolare quest'opera mi porta in luoghi davvero misteriosi come quelli che sono interni al nostro essere, al nostro sentire oltre, in un mondo di silenzi e di voci che dovremmo non sentire eppure talvolta emergono, magari sono forme d'aiuto e non di follia. poesia interessante che a parer mio è soggetta o può esserlo a diverse interpretazioni. ps credo che chi degeneri non ne abbia la consapevolezza o almeno una consapevolezza immediata bacio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0