PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Fuochi d'artificio

C'era qualcosa di già scritto fra le righe
del cielo
i fuochi ricamavano le loro scintille colorate
la mano calda dell'estate
il vento accarezzava la pelle e i capelli
il sapore di sabbia e di mare
restavo a guardare
un film nel cielo di una notte stellata
anche le stelle dal loro palco
stupite guardavano rapite
noi in basso con i volti infuocati di colori
e quel ricamo sullo sfondo nero di fiori
non ero sola c'eri tu
che mi tenevi nel tuo abbraccio
piccola mi nascondevo mamma nel tuo petto
c'eri la mia ribellione quella notte in spiaggia
la mia prima notte bianca a guardare le stelle
c'era il sapore di baci di caramelle
c'era un rimpianto la fine di una festa di paese
c'erano i miei sogni giovani senza pretese
c'era un campo di grano
e un incendio nella notte lontano
c'era una strada bianca e polverosa
c'erano due occhi grandi come il mare
un dolore dolce e pungente come una rosa
i pianti degli angeli
la polvere da sparo e la paura di un volo
una amica mia
c'era il silenzio della nostalgia
i fuochi d' artificio riempiono gli occhi ed il cuore
ma hanno uno strano sapore
sembra che non abbiano confine
ma scrivono sempre
FINE

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • Pepè il 06/08/2011 17:03
    Versi decandenti, malinconici e intensi che trascinano quasi a forza dentro la lettura.
  • Sergio Fravolini il 23/07/2011 08:07
    Toccante e molto bella.

    Sergio
  • tania rybak il 19/07/2011 01:17
    dolorosa, toccante, bellissima e vera, come te
  • - Giama - il 19/07/2011 00:11
    profondamente ammirato dai tuoi testi cara Laura, non posso che approvare ed applaudire quest'opera, o meglio, questa Poesia!
    Grande!
    Ciao Gia
  • antonio pascarella il 18/07/2011 22:59
    c'era il silenzio della nostalgia
    i fuochi d'artificio riempiono gli occhi ed il cuore
    ma hanno uno strano sapore
    sembra che non abbiano confine
    ma scrivono sempre
    FINE
  • loretta margherita citarei il 18/07/2011 21:59
    SPLENDIDA, BELLO RILEGGERTI DOPO TANTO TEMPO, 1 BACIONE
  • Alessia Torres il 18/07/2011 15:23
    Egregia poesia!!! Molto brava!
  • rea pasquale il 18/07/2011 14:27
    molto bella, la chiusa è notevole.
    Un abbraccio
  • Anonimo il 18/07/2011 12:11
    bellissima la tua lirica, bellissima e sublime. Ciao Laura
  • Vincenzo Capitanucci il 18/07/2011 10:37
    C'è un qualcosa di scritto fra le righe del cielo... in fondo l'Universo è una grande Universale Poesia... scritta in meravigliosi... ermetici.. versi...

    Bellissima Laura..
  • Anonimo il 18/07/2011 09:50
    Bella poesia. Anche se pessimista. A Firenze si dice "dopo i fohi" (dopo i fuochi) per indicare quando è tardi. Ma anche tardi è un tempo che va vissuto, e se ci sono ancora sogni diventa presto, per la prossima volta! Brava.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0