username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Amarsi

Amarsi nelle incontinenze della vita,
é il peccato di un corpo
vecchio, debole, affannoso;
di un corpo amaro e arido,
assetato di amore.
Amarsi il tempo di un battito
e poi rivivere il passato,
rivivere quel battito insieme
a ogni battito di antichi amanti,
senza più orologi.
Amarsi sotto un cielo che ha visto
romantiche tempeste e vinto
l'orizzonte della ragione.
Amarsi tra le righe di una lettera
e le parole che riaccendono il desiderio
e i punti che accompagnano verso l'infinito.
Amarsi mentre si ama nel buio della notte
o nelle corone infuocate,
ma con il mondo chiuso fuori.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • teresa... il 27/07/2011 13:46
    molto molto bella complimenti!!!
  • Bruno Briasco il 26/07/2011 12:08
    Bellissima esternazione.
  • Virginio Giovagnoli il 25/07/2011 18:18
    Bella.
    Amarsi solo amarsi e poi ancora amarsi.
    Ci penso e sospiro.
    Un caro saluto
  • Aedo il 25/07/2011 00:00
    Poesia splendida: conta solo amarsi!
    Ignazio
  • Anonimo il 20/07/2011 13:48
    "Amarsi il tempo di un battito
    e poi rivivere il passato"

    Questi versi mi hanno colpita particolarmente, perché mi fanno pensare ad un amore già sbocciato e fulgente che guarda indietro al tempo in cui doveva ancora fiorire. Credo che gli inizi di una storia siano sempre i migliori. Tutto è ancora nuovo e un po' sconosciuto, c'è il desiderio di scoperta dell'altro, i battiti accelerati, i brividi sulla pelle, le farfalle nello stomaco. Dopo tutto questo svanisce, ma se si è davvero fortunati, si guadagna molto di più; si guadagnano la fiducia, il reciproco rispetto e la promessa di un amore che neanche il tempo potrà cancellare. Una poesia bella davvero
  • Yly il 19/07/2011 18:03
    Bella! soprattutto il finale!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0