accedi   |   crea nuovo account

Incipit à la baisse

Scarnamente penso che non molti mi abbiano amato.
Penso che non molti mi abbiano amato per lungo tempo.
Non molti mi abbiano amato per come io amavo loro.
Ad essere precisi, io ho amato, evidentemente.
Sono stato infuriato, amareggiato, tradito, reso come un uomo al patibolo, o come un uomo destinato alla fucilazione.
Ma ho sempre trovato gioia e piacere nel perdono.
Ad essere obiettivi, non ho notato nessuna partecipazione alcuna.
Non ho visto la contemplazione del noi,
Ma la distruzione di ciò che eravamo.
Ma dopotutto era una verità a me da sempre saputa,
E onestamente, con impegno, devozione e sacrificio,
Non posso ostinare mente ed anima,
Ad un rinnegamento di ciò che era ed infondo è stato.
Malgrado tutto, provo sempre, e continuamente,
Ad affogare tutti i miei pensieri;
Vedo, in costante aumento e decadenza,
Sia quelli buoni che quelli cattivi.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Agata Gatti il 20/07/2011 13:02
    "Ma dopotutto era una verità a me da sempre saputa", ebbene si, ormai a noi genere umano è risaputo che non facciamo altro che scambiarci delusioni, farci del male. Dovremmo trovare equilibri.
    Ti segnalo un piccolo errore: "Ad essere obiettivi, non ho notato nessuna partecipazione alcuna". Non è corretto utilizzare "nessuna" ed "alcuna" insieme. O l'una o l'altra. Per il resto mi sembra tutto ok e mi è piaciuta. : )
  • alessio o il 19/07/2011 22:24
    Bene, credo di aver colto il tuo messaggio poiché sto vivendo quello di cui parli. Ci sono passaggi che non comprendo appieno. Forse potresti sviluppare tutto in un racconto. L'esclusione dagli affetti, il sentire su piani diversi.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0