PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Un'attesa isterica

Lei era ferma e dentro le si congelava il sangue
guardando quella foto era un odio così grande
era quasi un amore viscerale per niente
tutte quelle settimane ad aspettare inutilmente

Lei lo sentiva ancora nel grembo e nelle vene
sentiva ancora il suo scalciare a ritmo di campane
non riesce più a capire, non riesce ad afferrare
che il bimbo fosse soltanto uno sfogo ormonale

I fiocchi azzurri sono diventati vermiglio
rossi come la rabbia e la placenta raggirata
pensava bene che il miracolo fosse successo
ma è triste avere un figlio mai concepito e già perso

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • ELISA DURANTE il 21/07/2011 07:52
    Una gravidanza isterica... tema sicuramente originale per una poesia! Bravo per come l'hai scritta!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0