username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La storia di un uomo

Vi racconto la storia di un uomo:

Ha il corpo disforme,

ma il cuore buono.

Nato bambino qualunque,

aveva stessi sogni di chi sulla terra giunge,

spienserato in cortile correva

ignaro della sua ignobile pena.


Diventa ragazzo,

il suo corpo è pazzo

si asciuga pian piano,

ma la sua forza è come un uragano.

Sofferenza,

calvario,

tortuosa esistenza,

questa è la storia dell'uomo di pezza!


Solo ossa

che rapide distruggono

quel poco che resta di un fragile muscolo.

Tutto questo è malattia,

è rara e crudele,

si chiama distrofia!

Colpisce e non perdona,

rende deboli,

inerti,

1234

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

21 commenti:

  • arjan kallco il 14/02/2012 17:35
    I sogni ci fanno a volte vivere, ma sono sempre pur sogni...
  • mariateresa morry il 06/10/2011 18:07
    Hai sempre delle immagini molto intense .. anche io la trovo commovente, questa tua!
  • Raffaele Arena il 29/09/2011 01:47
    Michela, questa poesia e' un capolavoro, emozionante e... nient'altro da aggiungere
  • Don Pompeo Mongiello il 28/08/2011 10:35
    Molto piacita ed apprezzata questa tua tanto tanto bella!
  • Emanuele Perrone il 27/08/2011 20:37
    commovente complimenti
  • Marianna Sabia il 08/08/2011 12:37
    Dvvero toccante e commuovente. Noi sani spesso ci facciamo fermare da ostacoli futili ma basta guardare il coraggio di queste persone per capire che tutto ciò che dobbiamo fare è non arrenderci mai. Gran bella poesia. Continua a scrivere
  • Anonimo il 07/08/2011 21:55
    Cara, come spiegarti, mi hai fatto commuovere. Questa malattia, si è portato via mio fratello un anno fa... dopo una vita di sofferenza. Io non sono ancora riuscita a scriverlo, grazie per averlo fatto, inconsapevolmente, per me. Hai il voto delle mie lacrime, il massimo!
  • ELISA DURANTE il 25/07/2011 21:55
    Mai scontate, mai banali le tue poesie, piene di partecipazione attenta, di vita
  • Anonimo il 25/07/2011 18:45
    tu sei una GRNDEEEEEEEEEEEEEEE!!! coraggiosissima... grazie per le emozioni!
  • michela salzillo il 24/07/2011 19:54
    Figurati! Non necessariamente la "colpa" deve essere attribuita alla tua cattiva interpretazione, può essersi verificata una mia cattiva elaborazione del concetto
  • Anonimo il 24/07/2011 19:50
    scusa.. sono felice di aver capito male... un bacio forte...
  • michela salzillo il 24/07/2011 19:47
    Grazie a tutti! Carla, per fortuna quel momento non è arrivato, so che un giorno mi sorprenderà tristemente, ma per il momento posso ancora godere della sua presenza qui...
  • Anonimo il 24/07/2011 18:31
    ora è libero può correre tra spazi sconfinati, non ha più limiti... l'eternità è la sua casa...
    ora è angelo tra le stelle... le più belle... brava icchela... sempre brava
  • Bianca Moretti il 23/07/2011 17:03
    Dedica bellissima e toccante. Dovremmo imparare dalle persone meno fortunate ad apprezzare ciò che la vita ci ha offerto in dono. Essere grati e magari offrire sostegno a chi più di noi ne ha bisogno. Anche un sorriso, un semplice gesto, una parola di amicizia o il conforto della vicinanza può rappresentare tanto a testimonianza del nostro restare umani, nella salute ma soprattutto nella malattia e nella sofferenza... Loro non hanno grandi scelte nel programmarsi un futuro, noi possiamo scegliere di spendere del tempo con loro per condividere esperienze illuminanti e gratificanti.
  • mario durante il 23/07/2011 00:04
    Riletta con l'emozione trattenuta dentro me stesso, momenti delicatissimi e toccanti.
    Ciao...
  • Cinzia Gargiulo il 21/07/2011 00:32
    Ho conosciuto diversi giovani distrofici con una gran voglia di darsi da fare per vivere e conosco il fondatore del gruppo" Ladri di carrozzelle" che li porta in tour per fare i concerti e la loro musica dal vivo mi è piaciuta veramente e mi ha emozionata...
    La tua poesia è molto toccante.
    Ciao...
  • mario durante il 20/07/2011 23:38
    Per esperienze personali familiari so cosa significa vivere con la mutazione dolorosa del corpo e della personalità.
    In queste vite non vi è una perdita di possibilità, si entra in un mondo che se supportato dal vero amore diviene vera ricchezza di umanità.
    Nella più cruda sofferenza fisica, ho visto la vera grandezza dell'Amore.
    Mio padre e mia madre fulgide luci per noi figli, anche dopo oltre dieci anni di passione vissuti in casa.
    Cosa resta poi di tutto questo, Resta Gioia!
  • antonio pascarella il 20/07/2011 23:15
    L'eternità esiste!
    Tutto quello che è ,
    ed è stato,
    tra le nuvole del cielo vivrà accartocciato
  • Aedo il 20/07/2011 19:38
    La tua poesia mi ha proprio avvinto: descrivi la storia di una persona eccezionale, che è riuscita ad andare al di là del suo dolore e a donare un sorriso... Bravissima!
  • Anonimo il 20/07/2011 18:13
    Hai un cuore d'oro e parole con le ali...
  • Giacomo Scimonelli il 20/07/2011 18:12
    ho capito!! dolcissima dedica... delicata e forte... un plauso a chi affronta la vita a testa alta nonostante la feroce malattia..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0