username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Cara indomabile lanterna

Cara indomabile lanterna
fosti tu l'ultima
a udire il frastuono dolce dei loro respiri
in quel giorno
che urlò sulla pelle del mare
e fece fiorire sul suo grembo di velluto
incomprimibili, orgogliose onde;
la piccola spada lucente della loro paranza
non bastò
a fendere l'ira di quel bollente azzurro
il faro chiuse gli occhi
e si addormentò
mentre la loro anima
profumata di pesce e anni davvero vissuti
si scioglieva rantolante nell'acqua
per sempre
senza neppure la forza di gemere.
Un raggio di sole
l'indomani
ha tutto inghiottito
e sulla sua carrozza ha fatto salire
la loro fierezza spezzata di pescatori
e il nostro amore
che sarà incapace di abbandonarli.

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Anonimo il 26/07/2011 10:31
    Il mare, quell'amico che a volte ti gira le spalle...
  • Vincenzo Capitanucci il 21/07/2011 11:34
    Bellissima Cristiano... Pescatori...

    la loro anima
    profumata di pesce e anni davvero vissuti
    si scioglieva rantolante nell'acqua
    per sempre
    senza neppure la forza di gemere...
  • Daniela Bonifazi il 20/07/2011 22:20
    Versi sublimi per descrivere una pratica sconvolgente. Bellissima!
  • karen tognini il 20/07/2011 20:20
    Una tragedia del mare...
    . raccontata con versi molto belli... immagini suggestive!
    il mare arrabbiato... quel bollente azzurro...
    Bravo Cristiano!!!
  • teresa... il 20/07/2011 18:25
    respiri soffocati dall'ira del mare vivono nel ricordo del cuore. bellissima.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0