username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Maggio del novantatrè

Milano era luminosa,
era bella
in quegli ultimi giorni di maggio,
quando gli esami si avvicinavano,
e noi ce ne stavamo seduti al sole,
sull'erba di piazza Leonardo,
a consumare in fretta
un panino imbottito,
e mezza lattina di birra.

Milano vegliava clemente
sulle nostre teste,
e generosa ci donava
il magico tepore
della sua lunga striscia di cielo,
la premurosa nutrice
ci allattava al seno un poco cascante,
ma ancora gustoso e pieno.

Il primo anno d'Università
è il peggior traditore,
quando la speranza è ancora intatta,
ci si specchia con orgoglio,
il volto nuovo è pronto
ad affrontare mura estranee,
a fare bagni in mari di folla distratta.

Sorridevamo nel chiasso
della metropolitana,
ci scambiavamo timidi baci,
percorrevamo le vie del centro
fedeli ad un'idea,
noia e frustrazione erano lontane
dai nostri percorsi.

Ti conobbi donna,
dolce amica dai lunghi capelli,
nell'irragionevole calca
del centro città
i nostri occhi s'incontrarono,
anche se poi
qualche parola non bastò più
a colmare la nostra vicinanza.

Quante volte,
al tavolo di un caffè,
desiderai che il tempo si fermasse
sulle nostre giovani voglie,
sui quaderni pieni di formule
scarabocchiate ad arte,
e Milano,
amica delle nostre speranze,
ci regalasse un eterno istante
di coraggioso amore!

Oggi io sono qua,
a rattoppare ricordi,
e tu sei diventata acqua
che sa lavare bene i rimpianti,
forse polvere di cielo.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • rita gargaglione il 31/07/2011 11:44
    È stupenda, c'è una tristezza molto dolce...è una poesia emozionante
  • Maurizio Cortese il 21/07/2011 23:38
    Poesia dai dolci ricordi e spensierati anni, con la solita chiusa suggestiva.
  • Vincenzo Capitanucci il 21/07/2011 09:31
    Molto bella Salvatore...


    Il primo anno d'Università
    è il peggior traditore,
    quando la speranza è ancora intatta... di essere guidato verso un immenso sapere... poi Tutto scema...
  • karen tognini il 21/07/2011 09:23
    Salvatore non sapevo che avevi studiato a Milano...
    la poesia è un dolce ricordo nostalgico...
    mi è piaciuta moltissimo...
    bravo!!!
  • vincent corbo il 21/07/2011 08:24
    Meravigliosa poesia: anche per me il 93 è stato un anno magico, purtroppo il tempo non si è fermato ma i nostri ricordi sono sempre vivi.
  • Elisabetta Fabrini il 20/07/2011 22:28
    Come ho già avuto modo di dirti la trovo bellissima, una delle tue più belle, velata di nostalgia e dolcemente romantica...
    Davvero bravo quando sei sentimentale!!!
    Ciao Ely

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0