PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La mia ora d'aria

Non sono solo,
Corro scalzo verso la riva del mare.
Gli occhi bendati,
Per riadattare i miei sensi ai suoni del mondo,
All'armonia del mare.
I miei bimbi, ancora cuccioli mi chiamano,
Mi implorano di giocare,
Di costruire castelli di sabbia,
percorsi d'acqua,
strade scavate da biglie colorate.
Basta un solo attimo e la prepotenza del vento
disgrega i ponti del castello
dissolve i cavalieri appartenenti ad altro tempo,
gli occhi perdono scenari di luce d'amore
ritornando a finestre sbarrate
Mani legate,
Manette strette ai polsi
Respiri affannati.
Contemplo.
Contengo la sofferenza,
È finita l'ora d'aria!
Torno uomo, sigillo le ali
Mi metto in forze,
si avvicina l'ora d'aria di domani.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Bruno Quattrone il 28/07/2011 01:18
    Bella, complimenti piaciuta tanto.
  • Anonimo il 26/07/2011 22:56
    Quante volte ci è appartenuta la condizione di prigioniero libero...
    Sigilliamo le ali dimenticando di saper volare per un tempo ben più lungo di un'ora...
    BELLISSIMA!!!
  • ignazio de michele il 24/07/2011 20:05
    azzeccata parafrasi in quanto non sempre l'ora d'aria è attribuibile solamente alla detenzione... brava
  • Anonimo il 24/07/2011 15:09
    sono pochi i momenti nei quali si riesce a vivere il tempo a noi concesso nella sua completezza... purtroppo a volte siamo presi da mille cose e non lo viviamo come dovremmo... tu ci hai messo di fronte ad una realtà che ci porta a riflettere... complimenti
  • karen tognini il 23/07/2011 21:43
    Bellissima... un'ora d'aria per respirare la vita!!!
    Scrivi molto bene Teresa... brava!!!! Torno uomo, sigillo le ali
    Mi metto in forze,
    si avvicina l'ora d'aria di domani.
  • Pepè il 23/07/2011 21:19
    A volte penso anch'io che ci affanniamo tanto solo per poter goderci un ora d'aria che arriva con frequenza non regolare.
  • cristiano comelli il 23/07/2011 21:13
    Di solito il concetto di ora d'aria si associa a chi sta scontando un periodo di detenzione. Si trascura invece che l'ora d'aria è anche, per tutti noi, un modo per riordinare i pensieri (forse lo è anche per chi si trova in detenzione), un modo che appartiene a tutti gli uomini liberi. Dovremmo saperci tutti garantire giornalmente un'ora d'aria per fare un consuntivo di quanto la giornata ci abbia regalato ma anche per capire i passi avanti che abbiamo compiuto nel nostro modo di essere e di poterci donare, segnatamente a chi si trova in difficoltà e ha bisogno di noi. Lei, a mio parere, ha reso cristallinamente questo concetto e di questo la ringrazio. Cordialità
  • Anonimo il 23/07/2011 20:28
    strade scavate da biglie colorate.
    Basta un solo attimo e la prepotenza del vento
    disgrega i ponti del castello
    dissolve i cavalieri appartenenti ad altro tempo stupendo!!!! come stupenda tutta l'opera... quel passaggio mi ha emozionato particolarmente... bellasì
  • mario durante il 23/07/2011 18:31
    Si trae forza dalla speranza in un miraggio. La forza dà vita per rincorrere un traguardo, qualunque sia.
    Bella e forte. Un saluto.
  • Aedo il 23/07/2011 16:31
    La tua poesia mi ha veramente coinvolto: ti sei identificata nella vicenda di un essere umano chiuso tra le sbarre della prigione, mentre nell'ora d'aria vorrebbe rivivere il profumo di ciò che ha lasciato. Le ali, però, sono di breve durata. Bravissima!!!!
    Un abbraccio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0