username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Tiro a lungo

Tiro a lungo, l'ultima sigaretta prima di andargli a morire accanto.
Esperienza scioccante di ogni sera, evitata il più possibile ma infine destino obbligato.
Lontano dal letto ho più coraggio, mi conosco, lontano dal letto sono solitamente più lucido.

Io l'amo, lei non più o non lo vuole più.

Il male è intenso, profondo, tanto cinico da rimescolare pensieri laceri e lasciare solchi dolenti sul mio corpo.
Per darmi tregua avrei voglia di abbracciarla e stringerla forte, ma ora sono cauto, perso nel tormento del rifiuto atteso.

Non cerco il contatto, ho smesso di cercare il sotterfugio, l'incidente, il tocco fortuito che, seppur rubato, offre un attimo di ristoro.
Un gesto inutile e inconciliabile con la bufera che senza sosta fruga nei miei pensieri e flagella le mie carni.
Mi stendo accanto infine; e avverto, prima di spirare, un dolore fisico che non so spiegare.
Voglio pace, dare pace. Voglio sollevare e sollevarmi. Voglio tregua.

Darmi forza per fare un passo, magari trovare un posto dove andare a morire da solo.
Un divano, una sedia, un gradino, forse un piccolo giardino.
Ancora più solo, più disperato forse, ma sollevato e assolto dalla pena indegna di sentirla accanto immobile, sfacciatamente armata d'insopportabile indifferenza.

Lei compagna di un nulla impalpabile, presenza vitale del tutto virtuale, vuole dirmi qualcosa che non sa dirmi

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Francesco Paciello il 28/07/2011 09:24
    Grazie per i commenti, davvero carini.
  • Menichetti Serenella il 23/07/2011 20:38
    Splendida veramente splendida, complimenti!
  • teresa... il 23/07/2011 18:24
    questa è davvero meravigliosa, quanto dolore può provarsi per amore? quanto? troppo eppure nonostante tutto si rimane sempre in piedi carissimo Francesco sempre. l'amore deve amare non deve essere posseduto l'amore nasce per amare liberamente se un amore finisce lasciando spazio a gelida indifferenza non è più amore che deve restare. non sai quanto ti capisco. Baglioni avrabbe detto : "così vai via non scherzare... domani via perfavore no devo convincermi che non è nulla ma le mie mani tremano, in qualche modo io dovrò restare a galla " si resta sempre a galla anche quando si tratta di un AMORE BELLO