PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Carnevale? No, grazie.

C arnevale è un vecchio strano
A ma scherzi, frizzi e lazzi
R iconduce vecchi e adulti all' infanzia ormai lontana.
N on ricorda quando è nato, la sua vita breve piange
E ntra allegro o forsennato nelle danze di chi è allegro.
V a lontano da chi è triste, da chi è solo e abbandonato.
A ffamato di apparenza si autoincensa con la maschera.
L a sua bocca ridanciana urla troppo, qualche volta.
E se proprio devo dirlo, carnevale non mi piace

D ove sono i sogni veri, le speranze, la poesia?
I eri stavano nei nostri cuori, oggi sono andati...

Questi tempi maledetti sono ladri patentati
U na, dieci, cento guerre ci hanno tutti rapinati
E vadiamo per un poco dal dolore e la tristezza?
S e volete fate pure,
T utto sta ad accontentarsi
I o rifiuto l' allegria troppo, troppo a buon mercato.

T ento ancora, con puntiglio, la speranza a coltivare.
E se ancora, in qualche nicchia, pochi sogni son rimasti,
M e li fisso nella mente, me li stampo sopra il cuore.
P oi vedremo chi ha ragione:
I l carnevale, lui. o io.

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Franca Maria Bagnoli il 23/02/2006 12:19
    Adoro Rodari e per questo non mi sogno di imitarlo. Non mi risulta che Rodari abbia scritto acrostici. Grazie comunque del commento. Ciao. Franca Maria Bagnoli.
  • Franca Maria Bagnoli il 22/02/2006 15:41
    Per chi non se ne fosse accorto: è un acrostico. Ciao a tutti.
    Franca Maria Bagnoli.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0